Torgau, tra tesi e strette di mano

Scrivere di Torgau non è semplice perché, nonostante aspettative alte, l'abbiamo trovata quasi completamente vuota e questo non aiuta mai ad apprezzare veramente l'anima della città. Quindi il consiglio che vi do se volete visitare questa città (e credetemi di motivi ce ne sono in abbondanza), non fatelo in agosto (se potete, chiaramente).







Ma perché finire a Torgau? I motivi sono molti e le risposte dipendono anche dai vostri gusti personali. Se siete appassionati di storia questa città offre mille spunti. Intanto, partendo dalla triste storia recente, è stata la sede di un centro di detenzione per i ragazzi della DDR che "non si uniformavano" alle regole della società. Una vero e proprio carcere dove veniva effettuato il lavaggio del cervello ai ragazzi per riconvertirli in "buoni cittadini". In questo bell'articolo de Il Mitte troverete informazioni utili.




Ma a Torgau, andando indietro ma restando alla storia recente, sono successe anche alcune cose belle. Una su tutte, si dice che qui il 25 aprile del 1945 (Elbe Day) si sono incontrati gli eserciti di Stati Uniti e Unione Sovietica, la Germania era effettivamente divisa di due. Ad oggi si può vedere il luogo sull'Elba dove i due eserciti si sono incontrati e riflettere su quanto accaduto guardando l'Elba scorrere placida.







E' bello arrivarci per la via dei giardini (Garten Strasse), un insieme di piccoli orti e giardini meravigliosamente tenuti dai proprietari.










Continuando il nostro excursus storico, Torgau è importante anche per gli appassionati di Storia delle Religioni. Qui infatti Martin Lutero ha trovato ospitalità molte volte, ha inaugurato la Chiesa protestante in Germania (1544) e qui risiede la casa (e la tomba) della adorata moglie di Lutero.
Torgau è stata sede dei principi elettori e per questo centro fondamentale per la storia della riforma Luterana. Da questo punto di vista assolutamente imperdibile. In città troverete molti percorsi ben indicati per poter ammirare i luoghi più importanti per la storia di Marin Lutero.

Ma una delle cose più belle da vedere a Torgau è il castello. Già sete cinematografico del film "La bella addormentata" conserva al suo interno ovvero una bellissima scala a chiocciola che risulta essere al più grande costruita in Germania. E qui si capisce l'importanza che questa città doveva avere allora.

Io devo dire che sono rimasta impressionata sopratutto dalla bellezza del parco che la circonda quasi per metà. Arrivando in stazione per raggiungere il centro, bisogna passare attraverso quello che è - a tutti gli effetti - un bosco. Meraviglioso polmone verde in città, è una chicca su questa bella cittadina.

Volete scoprire di più sul viaggio che mi ha portata qui? Ecco il link che fa per voi, dritto dritto all'inizio di Confini & Fenici

Commenti

Post popolari in questo blog

Primo post

Nevsky Prospekt: caos e meraviglia (ovvero San Pietroburgo)

Peperoni al forno con crema di tonno