Post

Derry, la città murata coi muri che parlano

Immagine
Ci sono città evocative, città che solo nominarle fanno venire in mente mille immagini e pensiamo di sapere già cosa ci aspetterà durante la visita. Di solito non è mai così, almeno nel mio caso. Le città sanno sempre sorprenderci e se siamo disposti ad ascoltare, avranno molte cose da dirci. Puntualmente è avvenuto anche con Derry/Londonderry.



Il viaggio da Belfast dura circa due ore e mezza con il pullman (212 GoldenLine) ed è molto piacevole. L’area che si attraversa è magnifica e può contare sul lago più esteso d’Irlanda e di tutta la Gran Bretagna (e il 7° in Europa!), il Lough Neagh, e una delle AONB (aree di bellezza naturale) dell’Ulster chiamata The Sperrins.
Le Sperrins sono colline che creano un paesaggio splendido, che richiama la brughiera. Io ho passato il viaggio attaccata al finestrino a sospirare immersa nella bellezza del paesaggio (mi spiace non essere riuscita a cogliere con la macchina fotografica la bellezza del luogo. Vi lascio questo link per approfondire).

Belfast, quando la storia ti sovrasta

Immagine
Chi mi conosce lo sa, la storia è la mia passione. In particolar modo amo gli intrecci di storia, geografia, politica e società. Belfast unisce tutto questo in 115 km quadrati. Molti, quando raccontavo che sarei andata a Belfast sgranavano gli occhi, o per darmi della pazza che va in una città brutta, o perché intimoriti dalla destinazione giudicata pericolosa. E in effetti Belfast è stata nella lista delle città più pericolose al mondo per tanto tempo. Qui c’era poco da scherzare, di fatto era in atto una guerra.
Oggi Belfast sta voltando pagina, l’aria pesante se la lascia alle spalle, e si offre al turista come una meta interessante e ricca di cose da raccontare.


Parto subito col dirvi cosa non abbiamo visto, ovvero due mete quasi imperdibili: il Titanic quarter e il giardino botanico (che tra l’altro avevamo a due passi). Questo è il motivo che mi fa dire che torneremo.
Si sa, in un week end si devono fare delle scelte e per noi le priorità erano altre. Eravamo qui e volevamo …

#EricaeAcciaio - facciamo i conti

Immagine
Ci siamo, il quadro è pronto da appendere alla parete e ormai non posso più ritardare il momento di quando si ritorna da un viaggio e bisogna fare i conti, ricapitolare le spese e capire se si è o meno sforato il budget.

Sapevo già prima di partire che non sarebbe stato un viaggio low cost, i conteggi delle prenotazioni li avevo fatti (qui ricordi?), però dentro quella cifra (ca. 700 Euro a testa) c'era dentro davvero tutto o quasi, voli - aerei e spostamenti. In pratica ci resta solo da conteggiare le spese vive: pasti/trasporti e attrazioni che non avevo potuto includere prima di partire.
Ma ricapitoliamo (euro per due persone):
VOLO: 415,33 Euro
DORMIRE: 680 Euro
SPOSTAMENTI: 224 Euro




Per quanto riguarda i TRASPORTI la abbiamo speso 100 Euro e sono stati alcuni mezzi pubblici e la gita a Bakewell.







Per leATTRAZIONI abbiamo speso 77 Euro a York, Whitby, Newcastle e Durham.






Per i souvenir e ALTRE spese abbiamo speso circa 330 Euro tra partite di calcio, magliette di vari club e la mi…

Book TAG - un té per un libro

Immagine
Il clima è quello giusto per farsi un bel té caldo e godersi un buon libro, magari abbracciati da una morbida copertina.  E allora facciamo questo bel Book Tag che ho trovato in giro per YouTube sul canale del mio Booktuber preferito: Matteo Fumagalli. Ad ogni té ho assegnato un libro, eccoli qui! 
Earl Grey al Double Bergamotto (un libro ricco, profondo, intellettuale): Memorie di Adriano, un libro che mi ha coinvolta tantissimo, un libro profondo che parla di Storia, parla d’Amore e parla di un personaggio meraviglioso.
Tè Ricco (in libro sul quale ritorni spesso): Difficilmente rileggo i libri ma per questi due ho fatto un’eccezione. Cristo si è fermato a Eboli di Carlo Levi e Le Cosmicomiche di Calvino. Libri che rileggerei altre mille volte
Limone (un libro talmente veloce che è finito prima di averne assaporato le pagine): A volte ritorno. Un libro esilarante (ma pensante) che ho letto praticamente in due giorni. Un libro che poi ho regalato a molte persone perché lo ritengo un m…

Manchester, love is in the air - #EricaeAcciaio

Immagine
Secondo voi con quante aspettative sono arrivata a Manchester? Se un po’ mi conoscete e se anche voi leggete il blog della Giovy forse la risposta ve la siete già data. Lei adora Manchester e ne ha scritto parecchio e piano piano mi ha trasmesso un bel po’ del suo amore per la città. Ero davvero curiosa di conoscerla, per quanto sia possibile conoscere una città in due giorni, veloci, di permanenza. Siamo arrivati a Piccadilly, molto più di una stazione, un vero e proprio centro nevralgico per la città. Da qui a piedi al nostro hotel (Ibis – Pollard st) e poi via a esplorare la città. Dalla nostra stanza si vedeva uno dei canali, lo stadio del City dista circa 15 minuti a piedi. La passeggiata è piacevole, a tratti quasi bucolica, e la struttura merita una visita. Molto più di uno stadio, molto oltre la mera area polifunzionale. Qui ci sono campi, università e l’Ethiad. Uno spettacolo vero, da vedere.

Ma andiamo oltre. Dicevo del canale. Innanzitutto meravigliose paperelle (che un’a…