Esta soy yo

Ed eccomi qui, mi sono decisa a scrivere una pagina di presentazione.
Difficile mettere nero su bianco chi sono, spiegarmi in poche parole. Non lo so bene neanche io. Non ho mai avuto un'idea chiara e precisa, una direzione verso cui puntare. Mi piacciono molte cose diverse ma non ho un'unica grande passione che muove la mia esistenza. Una chiara indicazione.

So che amo la mia città, Milano. Profondamente. E mi spiace molto quando la vedo (o la sento) maltrattata. Quando incontro persone che ne parlano male, non la vedono e non la capiscono. E mi arrabbio sempre. 

Il momento che ha cambiato la mia vita, dandole in qualche modo una direzione, è stato il 2006. Sono andata a Granada a trovare un amico e dal quel momento BOOOM, amore a prima vista, della Spagna. Presa, rapita.
Ho viaggiato in terra spagnola da sola, con i nonni, con gli amici e il moroso. Ci ho anche vissuto un anno... speravo di restare di più, ma la vita a volte decide di metterti davanti altre strade. La Spagna mi ha fatto innamorare con il sud, caldo e profumato. Mi accolta nel centro, la meseta, come a casa. Ma mi è entrata nell'anima con il Nord, verde, aspro, ricco di contrasti.

Il viaggio è parte di me. Da quando sono nata, forse da prima. E' l'eredità trasmessa nei geni da mia nonna. Da loro, dai nonni, ho imparato tutto. La vita, i valori, la famiglia. E anche la passione del viaggio, dell'essere nomade. E così gran parte delle mie energie sono lì. E se penso a cosa farei con 5 euro che mi avanzano l'unica cosa che mi viene alla mente è un biglietto di qualche tipo per una destinazione a caso.. fosse anche Gorgonzola.

Ed ecco l'altra passione, legata ai viaggi (e anche a quello che è stato l'imprinting della famiglia), il cibo. Cibo fatto in casa e sapori di ogni parte del mondo provati in giro per il mondo e in ogni angolo di Milano.

Certo, lo scrivere è una cosa che amo fare. Come leggere. E quando scrivo dei libri che leggo unisco le due cose. Scrivere è terapeutico, curativo. Mi aiuta a buttare fuori tante cose che magari non riesco a dire. E anche a chiarire alla mia testa certe situazioni, che magari non voglio ammettere.

Da quando vivo con il moroso, mi sono data anche al giardinaggio.. sul balcone di casa. E ora ho anche piantato i pomodori... Coltivo una stella di natale da due anni... Insomma il pollice un po' verde ce l'ho. Le unghie invece sono sempre di colori diversi, altra mania. Ora sto seguendo il filone di legare le unghie a un qualche avvenimento settimanale...

Amo Milano. Amo la Spagna. Ma sono tanti i luoghi che sento miei. In qualche modo casa, forse proprio per il fatto di aver sempre girato tanto. L'Alto Adige è uno di quelli. Come la liguria, rigorosamente riviera di Ponente. Savona - Celle. Un po' casa (anche se ormai non torno mai). Ho girovagato un po' per il Portogallo e mi ha rapita, affascinata. Nel suo essere maliconico e romantico. Lo spirito tedesco ce l'ho nelle vene. Insomma, sono un po' tante cose.

Questa sono io. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Lipsia la ribelle

Altona-Altstadt e Ottensen, la easy life di Amburgo

Bilbao e l'Aste Nagusia

Andare in Russia: prenotare i treni