Dresda - in giro con i mezzi pubblici per scoprire qualche chicca

Dresda è sicuramente la città che più mi è piaciuta durante il mio viaggio estivo. Mi è piaciuta perché racchiude molte cose: una storia imponente, un messaggio fortissimo di rinascita e ricostruzione e un fermento culturale e sociale percepibile fine dalle prime ore tra le sue strade.

Dresda ha un centro storico ricco di bellezze architettoniche uniche, palazzi in stile barocco tedesco ricostruiti (per la maggior parte a partire dal 1990) a seguito dei bombardamenti che l'hanno rasa al suolo, che però dal punto di vista del tessuto sociale non è molto vivo. Infatti è pieno sopratutto di negozi e ristoranti per turisti e poco altro. Ora si sta cercando di portare qui qualche sede universitaria per cercare di ricostruire - oltre ai palazzi - anche la vita di ogni giorno. Non è una sfida facile ma penso che Dresda abbia i numeri per riuscirci.

Al di là dell'Elba c'è però una città viva e pulsante piena di vita e di luoghi interessanti e curiosi. Ma è spingendosi oltre al centro, anche della Neustadt che si possono ammirare alcuni dei quartieri più interessanti di Dresda.


Questo giro è totalmente fattibile grazie ai mezzi pubblici, anzi è proprio sponsorizzato dall'ottima compagnia di trasporto pubblico la DVB che sul suo sito offre moltissimi percorsi per ogni interesse. Il biglietto giornaliero costa 6 Euro per adulto ma ci sono pass famigliari (fino a due adulti e quattro bambini sotto i 15 anni) a 9 Euro, oltre che pass per piccoli gruppi fino a 5 adulti a 15 Euro! Insomma prezzi davvero ottimi. La rete di tram e autobus è estesa ed estremamente efficiente!

Il tour che abbiamo scelto comprendeva un pezzo in tram (nr. 11 direzione Buhlau) dalla Neustadt e uno in pullman da Buhlau a Loschwitz. Con questo percorso abbiamo potuto ammirare alcuni castelli lungo l'Elba, fare una splendida passeggiata nei boschi che circondano la città, ammirare le case a graticcio nella zona di Loschwitz e sorseggiare un'ottima birra lungo l'Elba ammirando il Loschwitzer Brucke, splendido ponte blu che ha un'aria romantica.

Partendo da Albertplatz si sale sul tram 11, la prima tappa potrebbe essere (su Bautzner Str.) la latteria Molkerei, un capolavoro di ceramiche di Meissen unico nel suo genere: assolutamente da ammirare (e magari comprare qualcosa).
E' poi ora di risalire sul tram. Scendendo a Wilhelminenstrasse (ammirando durante il tragitto il verde e le residenze che si fanno sempre più belle) si può entrare nel parco (praticamente un bosco) che conduce allo splendido Schloss Albrechtsberg!
Una meraviglia lui, la sala da te con terrazza sull'Elba e tutto quello che lo circonda.


Tornando sulla strada (percorrendo il bosco) possiamo riprendere il tram 11 ed arrivare fino al capolinea (merita però secondo me una tappa veloce alla fermata Plattleite, con l'hotel Villa Emma meraviglioso e alcune case degne di nota).

A Buhlau possiamo fare un piccolo spuntino con un'ottimo wurstel della Turingia da Thuringen Grill, sulla strada. Ottimo davvero!




A questo punto siamo pronti per affrontare l'ultimo percorso sul bus 61 che ci porterà verso Loschwitz. Qui ci sono molte cose da fare. Si può prendere la Standseilbahn per salire in cima alla collina (e ammirare una vista unica) oppure passeggiare verso il ponte,tra le case a graticcio e la vista sul bosco e sull'Elba.
Superato il bel ponte c'è una macelleria con Biergarten in posizione unica dove una visita è d'obbligo per fissare negli occhi quegli splendidi panorami.





Dresda, insomma, offre molto altro oltre al centro barocco e ai musei con capolavori invidiabili. Basta lasciarsi guidare dal suo trasporto pubblico ed essere pronti a scoperte sempre nuove.




Volete scoprire di più sul viaggio che mi ha portata qui? Ecco il link che fa per voi, dritto dritto all'inizio di Confini & Fenici

Commenti

Post popolari in questo blog

Primo post

Liverpool: ritrovare i Beatles a Penny Lane

Peperoni al forno con crema di tonno

New Brighton: storia di un sogno