#Quellavoltaincui

Ho letto il bellissimo articolo di Marika Laurelli sul suo blog, Gate 309, nel quale si parla dei viaggi intesi come emozione. Di quelle volte in cui si resta sorpresi e senza fiato, di qui momenti che restano dentro di noi al ritorno da un viaggio.
E ho deciso di dare il mio contributo e ripensare ai miei Momenti.


Africa
l'Africa da Tarifa
#Quellavoltaincui vidi l’Africa del finestrino dell’autobus che da Malaga mi portava a Tarifa. 
Ero assonnata dalla levataccia mattutina. E non vedevo l’ora di arrivare a destinazione per stendermi sulla spiaggia (pensavo). Poi d’un tratto guardai alla mia sinistra, fuori dal finestrino. E vidi della terra in mezzo al mare. Ci misi un po’ e poi capii. Mi vennero le lacrime agli occhi. E il richiamo dell’Africa, di nostra madre terra, fu fortissimo. E non mi ha ancora abbandonato.



Innichen
San Candido
#Quellavoltaincui sulla pista di San Candido vidi il Paese innevato.
Dopo tanti anni di lontananza rimasi senza fiato per la bellezza che avevo davanti e per i ricordi e le emozioni che vivevano nel mio cuore. E la gioia di poterle condividere con la mia socia. C’era la mia infanzia davanti a me, i luoghi dove avevo imparato a camminare, luoghi del cuore.


Siviglia, Andalusia
Sevilla, in quel preciso momento

#Quellavoltaincui a un tavolino sotto la Giralda si beveva una birretta, e ho capito cosa fosse davvero l’amicizia.
Era il mio trentesimo compleanno dopo un anno davvero difficile. E mi sono ritrovata con 6 cari amici a Siviglia. Una vacanza per ricominciare e festeggiare. E per capire l’amicizia, in un attimo. Perché viaggiare serve anche a questo. Ritrovarsi, anche con gli altri. E condividere momenti importanti






tre cime, lavaredo
Io e la Deja e le 3 cime sullo sfondo

#Quellavoltaincui ho visto le tre cime sotto una nuova luce.
Ero in giro per l’Alto Adige a festeggiare i 10 anni di amicizia con la mia migliore amica e mia nonna (che si era unita perché senza Alto Adige non sa stare). Abbiamo visto le tre cime e ho capito che se c’è un luogo dove mio nonno se ne sta ora sono quelle montagne. E ora so dove posso trovarlo sempre, in maniera quasi fisica.

"Un ricordo è quello che rimane quando succede qualcosa e non si cancella completamente." Edward de Bono 

Commenti

Post popolari in questo blog

Manobrier, atmosfera da Barnaby e ricerca della serenità

Andare in Russia: il visto

La magia della Valle Aurina: potenza della natura

Eva dorme