Race in the city - l'esperienza da volontaria




Tra tanta gente felice e tante polemiche si è svolta questo fine settimana Race in the city - tappa della coppa del Mondo di sci nordico SPRINT. Il percorso era un anello di 600 mt davanti al Castello Sforzesco di Milano, nella splendida cornice di un parco Sempione tirato a lucido. 


L'iniziativa mi ha entusiasmato fin da subito. Portare il fondo in città, la neve al parco, lo spirito sportivo in mezzo al traffico e al logorio di tutti i giorni mi è sembrata da subito un'ottima idea per avvicinare i milanesi ad un sport meraviglioso che ci permette di vivere la natura in piena tranquillità. 
E così ho deciso che volevo avere un ruolo attivo in questa manifestazione, volevo esserci. Prima di Natale ho mandato una mail al centro di coordinamento dei volontari e sono stata contatta.


Il mio ruolo è stato quello del RUNNER, praticamente si trattava di distribuire agli atleti alla partenza dei sacchetti con i loro numeri dove potevano riporre tute, borracce e quant'altro e fargliele trovare all'arrivo. 
Un'esperienza fantastica che ripeterò ogniqualvolta mi si ripresenterà l'occasione. Innanzitutto è stato bellissimo essere a così stretto contatto con gli atleti, tutti tra l'altro gentilissimi e molto disponibili. Poi è stato un pretesto per conoscere gente nuova, passare due giorni all'aria aperta (che freddo però!!! :-)) e vivere lo sport da un'altra prospettiva, più diretta. 


C'era davvero tanta gente al Castello. Le stime parlano di circa 15.000 persone durante le finali di sabato pomeriggio delle gare individuali! Manifestazione riuscita quindi! E alla grande. Tanti colori, gente da tanti paesi diversi. Milano e il suo parco si sono trasformati per qualche ora nell'ombelico del mondo, in una piccola babele dove si sentivano mille lingue diverse ma dove, questa volta, ci si capiva tutti grazie al linguaggio universale dello sport e della socialità! 
Il team tedesco ci ha fatto i complimenti per l'organizzazione, il che dovrebbe essere il metro per capire quanto impegno ci abbiamo messo tutti per far riuscire questo evento. Gli atleti erano davvero tutti contenti dell'aiuto che gli abbiamo dato e le persone che si avvicinavano titubanti sono state subito prese dal clima meraviglioso che si respirava. 




Bellissimi giorni, spero che si ripetano in futuro! 

Commenti

  1. da volontario dico un grazie a tutti i volontari per quello che siamo riuscita a fare in una settimana, con l'augurio che la prossima sia ancora migliore. francesco

    RispondiElimina
  2. E sì Francesco! E' stata una bella esperienza anche grazie al nostro impegno!! Speriamo che sia la prima di una lunga serie!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Yoro

Lyon: luci, simpatia e convivialità

I migliori libri letti nel 2017