La mia città ideale

Questa è un po' la rappresentazione della mia città ideale.. Verde vivibile, grandi spazi, mezzi pubblici puliti, puntuali ed efficienti, eventi culturali, prezzi abbordabili. 


Tutto questo è Madrid, nel centro della Spagna. Una città nuova che ha saputo rinascere dalla macerie. Un Paese che fino a quarant'anni fa era indietro anni luce rispetto al resto d'Europa (e del Mondo). 
Madrid è una città enorme, con più di 3 milioni di abitanti, monumentale (voluta così da Franco) e fiera di essere la Capitale, ma se si va un po' oltre all'immagine da copertina si scopre una città formata da tanti quartieri diversi, ognuno con le sue proprie caratteristiche. E' come se tante città si unissero in una sola... 
Il mio quartiere preferito è sicuramente il Barrio de las Letras, un continuo sali e scendi in viuzze con case basse, colorate dove si trovano le abitazioni di grandi della letteratura spagnola....


Ma la cosa più sconvolgente di Madrid è l'utilizzo che si può fare dei giardini e dei parchi.. Ci si può stendere sull'erba, camminarci a piedi nudi, aprire il PC e navigare tranquillamente su internet, leggere un libro senza che nessuno ti guardi male (come purtroppo capita spesso da noi) e fare due chiacchere... 




Poi ci sono i grandi monumenti, come il Palazzo delle Poste che colpisce ogni volta che ci si passa davanti. Sono tutti tenuti bene, puliti, bianchissimi e ben segnalati... Un aiuto non da poco per il povero turista che in una città come questa può trovarsi spaesato... 


E l'acqua, presente nelle grandi fontane e durante le passeggiate lungo la via del Prado... Grande arteria della città piena di verde.. Mentre si passeggia al centro si è circondati da alberi, panchine (dove sono finite nelle nostre città???) e acqua.. Tanta acqua, retaggio della cultura araba, che in Spagna, soprattutto in quella meridionale, ha lasciato grandi segni... 


E poi ci sono i due grandi punti di arrivo alla città, la stazione di Atocha e l'Aeroporto di Barajas. 
Partiamo con la stazione. Un edificio meraviglioso da fuori stupisce ancora di più quando si è al suo interno, tartarughe, giardino botanico, nessuna carta per terra.. Si accede ai binari solo con il biglietto.. Quasi sembra un aeroporto... Funzionale e bella nello stesso tempo, perché da noi è così difficile coniugare le due cose??? 
E ora l'aeroporto, collegato alla città da autobus e metropolitana, in pochi minuti si arriva in pieno centro su una metro pulitissima... 
Un sé l'aeroporto è bellissimo, soprattutto il T4, colorato e accogliente... 




Insomma una città sorprendente, che colpisce da subito e poi ti entra nel cuore. 


Ed ora una piccola curiosità, per concludere... A Madrid c'è una delle poche statue nel Mondo dedicate a Lucifero - la statua dell'Angel Caído -  situata al Parque del Retiro, ovviamente in pieno centro. Un'oasi verde enorme (118 ettari), vicino ad Atocha... Roseti, Serre, un laghetto e tanto verde!!! 





Commenti

  1. Madrid è molto vivibile....se non si deve prendere la metro per lunghi tratti.
    Il parco del ritiro, in ogni caso, è un luogo straordinario.

    https://narrabondo.wordpress.com/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Da Bulgakov a Tolstoj: girovagando per una Mosca diversa

Primo post

Isole, incontri e Pub. Soprattutto Pub