Pirita: la spiaggia sul baltico

Proseguiamo la conoscenza di Tallinn (fuori dal classico giro dentro le mura) e dirigiamoci verso Pirita.
Mentre pensavo al mio viaggio #Tramontianordest riflettevo su quanto mi sarebbe piaciuta una giornata tutta in spiaggia. Certo non stavo vistando latitudini famose per distese di sabbia bianca e cristallina e temperature idonee. Però era quasi un pensiero fisso (sempre dietro al cibo, chiaramente).
E così, indaga e scartabella, ho individuato le principali spiagge di Tallinn ed Helsinki. E quella che più avevo voglia di vedere era proprio Pirita. Ora mi serviva solo una splendida giornata di sole. E non ho dovuto sforzarmi molto per averla, il sole è stata infatti una costante in questa vacanza.

Pirita dunque è stata, per ben due pomeriggi alla fine. E non posso che consigliarla. È una lunga distesa di sabbia fine, contornata da una bella pineta. Spiaggia libera, non attrezzata. Per cambiarsi ci sono cabine disseminate un po' ovunque, insieme a panchine, giochi per bambini e anche il servizio di bagnini. 
L'acqua è splendida, infatti è bandiera blu, e adatta a tutti perché c'è tanto da camminare e si tocca sempre. Il fondo è sabbioso, non ci sono pericoli. 
Dalla spiaggia si gode di una vista unica sulla città vecchia, le sue mura e il suo porto. L'acqua è fredda ma non gelida, fare un tuffo si può in giornate calde, senza troppi problemi. 
E non preoccupatevi che c'è anche di che rifocillare lo stomaco: il St Patrick's ha una bella terrazza con vista e un menù niente male, ma ci sono anche ristoranti di sushi e un meraviglioso grill bar nella pineta (tra la fermata del bus e l'accesso alla spiaggia). 

Pirita è stata anche teatro delle Olimpiadi di Mosca del 1980, qui infatti si sono disputate le gare di vela, il porticciolo degli yacht è ancora lì a testimoniare gli antichi fasti.
Da qui c'è una bella passeggiata che costeggia il mare, tra prati verdi, aiuole e viste uniche il tramonto qui è magico.

Ma se non volete farla a piedi dal centro, ci si arriva comodi in autobus: 1A e 49 su tutti (ma anche altri, 6 e 8 ad esempio).

Ideale è unire la visita a un sito storico di Tallinn, Palazzo Kadriog, a un po' di relax. Infatti il palazzo dista pochissimo dalla passeggiata (Pirita tee) e dalle fermate degli autobus che vi portano da queste parti (Poska).





Rilassatevi osservando Tallinn da lontano e tornateci verso sera, quando le navi hanno ripreso il mare e portato via le orde di turisti che si accalcano dentro le mura durante il giorno.
E perché no, passate la serata a Kalamaja, in uno dei tanti ristoranti e locali che ci sono da quelle parti!

Commenti

Post popolari in questo blog

Una stanza tutta per sé

Teoria della classe disagiata

Cinque posti (più uno) dove trovarsi bene a Firenze

Ascoltare un libro - le mie orecchie alla prova Storytel