#IoNonVoto

Per me è complicato scrivere questo post. Sono cresciuta in una famiglia che mi ha insegnato l'importanza e il valore del voto. Mi ha insegnato che la nostra voce è l'unica cosa che può permetterci di migliorare questo Paese, che la partecipazione è un diritto, sì, ma soprattutto un DOVERE di ogni cittadino. E il voto è lo strumento principe della partecipazione.
Ho sempre votato, sono stata a tutti i referendum e non mi sono mai tirata indietro. Anche nell'indecisione ho cercato con l'informazione di sciogliere i dubbi. Sono persino tornata dalla Spagna per votare...

Ci sono stati periodo nei quali mi sono turata il naso e ho scelto il male minore, venendo poi costantemente smentita. Da notizie di cronaca o dai fatti in Parlamento.

Non c'è nessun partito che porti realmente avanti le mie idee. Non c'è nessuno dei cosiddetti ONOREVOLI che vorrei mi rappresentasse. Ci fosse una "lista civica" anche per il Parlamento magari potrei votare quella, ma non c'è. A destra non guardo neanche perché i miei valori non vengono rappresentati. Ma se devo guardare a sinistra mi viene il voltastomaco.
A prescindere che per chi, come me, ha un'impronta socialista il panorama italiano è desolante, basti pensare che da noi parlando di socialismo si pensa a Craxi.
Ma approfondiamo.
PD: non è neanche un partito. Ha mille idee al suo interno, lotte intestine, programmi poco chiari sopratutto dal punto di vista sociale dato che una frangia vorrebbe le unioni gay e l'ala cattolica storce il naso (e via dicendo).
IDV: sinistra???? Boh... comunque mi sono sempre ripromessa di non votare mai Di Pietro da quando ha mollato il colpo su mani pulite per entrare a far parte di quella feccia che stava combattendo
SEL: Nichi Vendola proprio non lo reggo e dico subito che se abitassi in Puglia sarei incazzatissima perché lui in Regione non c'è mai.... A parte la mia idiosincrasia per il personaggio sono anche alcune idee di SEL che mi allontano dal voto per questa ala... troppo legata a vecchie logiche, troppo comunista più che socialista.. Troppo antica come sinistra.
M5S: Grillo e il suo movimento populista e privo di idee reali e concrete. Che si finge fuori dai giochi ma in realtà nei giochi vuole entrarci a gambe unite mi irrita, come tutti i populismi.

A questo punto cosa mi resta???? Il partito dei pensionati?

No davvero, quando sarà credo che per la prima volta mi toglierò dai giochi. Certo poi perderò anche in parte il diritto di critica, perché se non scegli se non provi a indirizzare le scelte del Paese, poi non puoi neanche criticare il Governo. A Genova il diritto di mugugno si pagava! Lo so, starò zitta. Però mi dispiace, sono stufa di pensare al male minore. Sono stufa di votare per chi mi delude e non mi rappresenta. Sono stufa di vendere la mia identità politica per evitare di vedere la destra e Silvio al potere (che poi cmq ci finiscono lo stesso), sono stufa di turarmi il naso. IO VOGLIO DI PIU'. La mia scheda sarà bianca perché non c'è nessuno per cui valga la pena sprecare della grafite.

Commenti

Post popolari in questo blog

Primo post

Nevsky Prospekt: caos e meraviglia (ovvero San Pietroburgo)

Peperoni al forno con crema di tonno