Child 44

Il clima del sospetto pervade questo libro, ogni sua pagina, ed entra nella testa del lettore. Ogni capitolo ci presenta un cambio di prospettiva, l'aggiunta di qualche indizio che ci fa completamente cambiare opinione sui personaggi e sulla storia.
Chi è nel giusto? Chi è sbagliato? Chi controlla chi?

La Russia degli anni '50, la polizia segreta, le fede cieca ed assoluta per lo Stato che si incrina. La difficoltà del risveglio dopo il lavaggio del cervello. Ma è un risveglio? O si resta intrappolati in certe logiche? E le logiche sono davvero sbagliate?

Il romanzo trae spunto da una storia vera, quella del mostro di Rostov. E l'ambientazione, il racconto di cos'era davvero vivere nella Russia di Stalin, sono le cose che più rendono questo libro interessante ed avvincente.
Una scrittura veloce e una storia intricata fanno il resto, creando un clima che mischia "il Grande Fratello" a "Le vite degli altri" e unisce un racconto giallo d'autore.

Non si può che apprezzare questo libro di ogni pagina. A volte ridere e altre quasi piangere, urlare, tremare.

In un Paese in cui non si può nemmeno pensare di nominare la parola omicidio senza essere visti come sovversivi, un agente della Polizia Segreta si imbatte in una serie di uccisioni sospette. Inizialmente mette tutto a tacere, insabbia. Fino a quando la sua coscienza lo porta ad indagare e la sua vita viene completamente stravolta.

Un ottimo libro, che conferma una grande verità: i miei amici mi conoscono bene e sanno consigliarmi per il meglio. Un altro consiglio e un altro ottimo libro! Grazie ragazzi!

Child 44 - T. R. Smith
Ed. Pickwick
p. 445 - Euro 10,90

Consigliato a chi: ama i gialli, le ambientazioni da guerra fredda e non ha paura di appassionarsi troppo ad un libro. 

Commenti

  1. You are very welcome sister!
    Recensione perfetta per questo libro bello e a volte difficile da leggere,pieno di stravolgimenti e rivolgimenti che ribaltano tutto quello successo prima in un capitolo..
    E come faccio a dirti che il secondo libro della trilogia è altrettanto bello se non di più??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo supponevo. E poi, dopo quel finale, ti viene voglia di leggere la trilogia di un fiato. Ma come mi dicevi in registrazione, e io sono d'accordo, a volte coi libri si instaura un rapporto di amore per cui si vuole protrarre il nostro rapporto con loro. E questo è il caso. Centellinerò la lettura, alternando almeno un paio di libri tra uno e l'altro.
      E poi, devo assolutamente smaltire un po' la pila prima di farne entrare altri in casa :-) (so che mi capisci)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Manobrier, atmosfera da Barnaby e ricerca della serenità

La magia della Valle Aurina: potenza della natura

Andare in Russia: il visto

Eva dorme