Liebster Award: sei stato nominato

Rientro da una bellissima pausa pranzo nel parco di fronte all'ufficio (sole, erba sotto i piedi e un buon libro) e trovo una meravigliosa sorpresa ad aspettarmi, la nomination di Federica/Fefa per i Liebster awards. 
Cosa sono? Diciamo un modo per conoscere meglio alcuni travel blogger (per chi legge) e "promuovere"/far conoscere quelle piacciono di più (per chi "nomina")! 

Le regole sono semplici: 
1) si risponde alle domande poste da chi ha nominato
2) si nominano altri 10 (al massimo) blogger
3) formulare altre 10 domande per loro
4) comunicare le nomination! 

E allora eccomi qui, pronta per le domande di Federica! 

1) Consigliatemi un posto dove andare assolutamente e uno dove NON andare.
Ho un sacco di posti "del cuore" e ogni volta che devo scegliere è sempre molto difficile. E la risposta potrebbe cambiare a seconda del momento in cui mi viene posta, a umori diversi corrispondono bisogni diversi. Ma se proprio devo scegliere un luogo da consigliarti allora il Portogallo, che è sorprendente! Ti entra nel cuore con la sua nostalgia, la sua decadenza, il cibo meraviglioso e le persone, dolcissime e sempre disponibili. Imperdibili sono Porto e Aveiro (sai quello della pubblicità dei Pavesini?)! 
Il dove non andare è ancora più difficile (perché io andrei davvero ovunque, con la mia curiosità e voglia di scoprire). Forse ti dico Arabia Saudita, per motivi politico/religiosi, ma credo sia più un limite mio... 
2) Quanto la vostra vita è frutto di cose che avete imparato durante i vari viaggi per il mondo? Fatemi un esempio.
Credo che la mia vita attuale sia stata plasmata (e venga plasmata) da ogni viaggio che ho fatto, perché da ogni luogo che ho visto ho portato qualcosa dentro di me, qualche emozione profonda o qualche stato d'animo (alla mal parata una tovaglia o una calamita.. :-) ). 
Per esempio dal mio tour dell'Andalusia (io sola in autobus), che io considero un po' il mio primo viaggio (perché per la prima volta ero io senza la mia famiglia - mia nonna), ho portato dentro di me una tranquillità che non conoscevo e ho lasciato per strada molta della mia timidezza. Ora riesco, molto più di prima a lasciarmi andare, a non preoccuparmi troppo e ad affrontare il mondo a testa alta. Mi è servito davvero molto, ed è il motivo per cui spesso invito amiche e amici a intraprendere un viaggio da soli! 
3) Qual è stato l’evento scatenante, se c’è, che vi ha fatto decidere di aprire il vostro blog?
C'è, purtroppo c'è. Io ho sempre riversato le mie emozioni su carta, e attraverso la scrittura libera riuscivo a liberarmi dei brutti pensieri. Il blog l'ho aperto poco dopo la scomparsa di mio nonno, una figura per me fondamentale, una roccia della mia esistenza. Per un po' è stato come una sorta di diario. Poi ha intrapreso molto di più il filo del viaggio (fisico o emozionale - coi libri). 
4) Cosa non deve mai mancare nella vostra valigia e che se non avete, vi fa avere una crisi di nervi?
Tutto l'armadio? ahahha no, scherzo. Anzi con il tempo ho ridotto sempre di più le cose "necessarie". Diciamo che devo sempre avere con me un brufen (purtroppo soffro di mal di testa cronici) e le mie guide/i miei appunti. Poi magari li guardo pochissimo mentre sono in viaggio, però so che sono lì con me, un po' come la coperta di Linus! 
5) E nell’hotel che scegliete?
Nell'hotel cerco più che altro pulizia (e un buon rapporto qualità prezzo, fondamentale per chi viaggia "on budget")
6) La cosa più buona e più strana mai mangiata, e che vi manca tantissimo.
Oh mamma, quante cose buone che ho mangiato in giro per il mondo! Una delle migliori è decisamente un piatto di cozze con una salsina di formaggio (panna..) a Limerick! Che spettacolo! La più strana arriva dalla Scozia, l'haggis (interiora varie di pecora, con avena, tagliate fini e cucinate nel suo budello. Detta così sembra orrendo, in realtà è ottimo - magari non per il colesterolo!). Quello che mi manca di più è il Currywurst berlinese, ma non so se sia per il currywurst in sé o per Berlino.. 
7) Se domani diventaste improvvisamente ricchi sfondati, dove prenotereste il primo volo?
Africa, mi piacerebbe farmi un bel giro tra Kenya, Tanzania, Botswana, Zimbawe e Sud Africa. E magari fermarmi per un bel po' alla Gallman Memorial Foundation. 
8) Al momento, stai mettendo da parte dei soldini da parte? E per andare dove?
Oddio, mettendo soldini da parte, più che altro tutto quello che non finisce in affitto/spesa/dentista (lasciamo stare..) finisce in biglietti aerei e alberghi in giro per l'Europa! Il prossimo prossimo viaggio è in Puglia! Per l'addio al nubilato della mia migliore amica! E più in là c'è la meta estiva, il Galles! 
9) Viaggio per te vuol dire…?
Libertà, sopra ogni cosa. E scoperta, del luogo, delle persone e di me stessa. 
10) Hai la possibilità di comprarti 3 case nel mondo: dove ti trasferisci?
Berlino sarebbe la mia prima scelta, Prager Platz, tutta la vita! Mi piacerebbe anche molto avere una casa a Tarifa (dalla quale scappare in agosto, magari affittandola!) e poi Parigi, la bella Parigi. Avere una casa lì vorrebbe dire poterci andare sempre, ogni volta che si vuole, via su un aereo! Fanstastico! E poi da queste tre località si parte alla scoperta del Mondo!  

Eccoci giunti alla fine, ora tocca alle nominations... And the winners are.. 
La ragazza con la frangia! Fringeintravel
La London addicted: Thelondonher
Elisa e Luca (e manina), miprendoemiportovia
Marta&Chris, blogdiviaggi
Marika, dal gate309
Valentina e Stefano, Viacolviaggio
Giulia, Fabio e tutta la family di bambiniconlavaligia
Ed ora ecco le mie domande 
1. Da dove nasce la tua passione per il viaggio? 
2. Qual è la meta in cui non ti annoieresti mai di tornare? 
3. Ti è capitato di avere grandi aspettative su un luogo e rimanerne poi delusa/o?
4. Parlami di un'emozione forte che hai provato in viaggio 
5. Io quando preparo un viaggio leggo spesso libri ambientati nel luogo dove andrò. Capita anche a te? E hai dei libri da consigliare a qualcuno che deve partire? 
6. C'è un luogo in Italia che ti è particolarmente caro (al di fuori della tua città natale)? 
7. Io di solito parto super organizzata, guide/cartine/appunti, tu che viaggiatore sei, più o meno organizzato?
8. Ti devi trasferire per lavoro, ma puoi scegliere dove.
9. Hai un'abitudine che porti anche in viaggio? 
10. La cosa più buona che hai mangiato in viaggio? 





Commenti

Post popolari in questo blog

Manobrier, atmosfera da Barnaby e ricerca della serenità

Andare in Russia: il visto

La magia della Valle Aurina: potenza della natura

Eva dorme