Aggiornamenti dal magico mondo della ricerca del lavoro...

Stamattina sveglia presto per un colloquio in zona Niguarda... Colloquio riguardante uno stage di 8 mesi (300€/mese) part-time come assistente export in PMI. Si è trattato di una selezione molto lunga comprensiva di una prima fase di presentazione personale, un successivo colloquio di gruppo/gioco di ruolo, colloquio individuale e colloquio in inglese al telefono...


Quello che più mi sconvolge è che più i posti sono posti del cazzo più la selezione è lunga e laboriosa... Mah... Cmq è stato interessante proprio per via delle modalità, diciamo che è stato istruttivo ed è servito come PALESTRA DA COLLOQUIO... Assurdo ma vero...


Ormai cercare un lavoro diventa un lavoro in sé, e dispendioso per giunta!! Fra mezzi, pranzi fuori, stampe CV, fototessere (che dico, c'è già nel CV, non ti basta????)..... In più occupa davvero tanto tempo, almeno così non si spendono soldi che non si hanno in altre attività..... :-)


Poi ci sono un sacco di cose delle selezioni che mi lasciano perplessa, come ad esempio le domande tipo: "come ti vedi fra 10 anni??" (ormai verrebbe da rispondere "se continua così disoccuapata..."), oppure "qual è la tua aspirazione?" (anche qui, non per fare la disillusa, viene da rispondere "lavorare e portare a  casa uno stipendio"). Ovviamente non puoi rispondere quello che pensi, se no ti dicono che non hai motivazione (e quale maggiore motivazione della "fame"??) che non hai aspirazioni (ce le avrei anche ma con quelle non si mangia.... ) e che sei pessimista (c'è poco da essere ottimisti al giorno d'oggi, lavorativamente parlando)..


Altra cosa che mi fa girare sono alcune persone, che un posto ce l'hanno, e ci sputano sopra. Non parlo di quelli che vorrebbero migliorare la loro posizione o che ti parlano dei problemi più o meno seri con colleghi e cose del genere... Ho lavorato anche io e quelle cose sono normali.. Parlo di quelli che ti dicono cose del tipo: "beh, sfrutta il tempo libero, potessi farlo io che invece non ho un minuto"... (e come cazzo faccio a sfruttare il tempo libero che devo centellinare gli euro???), oppure quelli che proprio ti dicono "non ce la faccio più, mi licenzierei....", (casualmente però non lo fanno mai.. Mi verrebbe proprio da dirgli "ecco bravo lascia libero il tuo posto, che tanto non lo apprezzi..."). So benissimo che ci sono scazzi sul lavoro, che ti sembra che assorba tutta la tua esistenza, però è anche quella benedetta cosa che ti permette di fare tante cose: vivere da solo, fare viaggi, andare in giro, mangiare fuori e cose del genere... Che poi per carità io non mi lamento, ho una famiglia (in questo momento mia nonna) che mi mantiene e, nei limiti del possibile, non mi fa mancare niente, mi tolgo anche degli sfizi... Ma cazzo, a 28 anni vorrei potermerli togliere da sola, sembra così assurdo???

Commenti

Post popolari in questo blog

Da Bulgakov a Tolstoj: girovagando per una Mosca diversa

Primo post

Isole, incontri e Pub. Soprattutto Pub