Descriviti BOOK TAG


Un book TAG prima delle vacanze ci sta, perché è un modo per consigliare un po' di libri in una forma un po' particolare.
Questo book tag, comunque, si fa davvero serio: tocca descriversi.
Generalmente le risposte si rifanno al titolo del libro e non alla trama, ad ogni modo accanto alla risposta metto una piccola specifica, per far meglio capire il senso del libro proposto.

Devo ammettere che non è stato semplicissimo: descriversi è già difficile a parole, dover utilizzare un libro lo è ancora di più.



Sei maschio o femmina?  Eleanor Oliphant is completely fine - Beh sì insomma, Eleanor può essere tante cose, ma senz'altro è femmina!
Il libro, a mio avviso, è meraviglioso. Racconta la fragilità e l'alienazione dalla società in un modo splendido e fa capire come anche le persone che - all'apparenza - hanno vite ordinarie possono nascondere traumi enormi. Un libro che, se letto a cuore aperto, è capace di toccare le corde giuste.

Descriviti Io non sono come voi - Lo so, lo so. Può sembrare la solita boutade però io realmente mi sento spesso fuori dal mondo (forse per questo alla prima risposta ho usato Eleanor) e mi capita frequentemente di pensare "ma che ci faccio qui"?
Il libro è per nulla semplice, una storia complessa dentro un animo agitato.


Cosa provano le persone quando stanno con te? Semiotica, pub e altri piaceri - o almeno spero.
Il libro è una delle puntate della serie "44 Scotland Street", cantici di amore verso la Scozia ambientati ad Edimburgo. I personaggi ormai sono diventati miei amici e stargli lontano - tra un libro e l'altro - è brutto: vorrei sempre averli attorno!


Descrivi la tua relazione precedente: C'era una volta l'amore ma ho dovuto ammazzarlo - sì, insomma a volte tagliare i rami secchi è necessario, no?!
Primo libro che ho letto di Efraim Medina Reyes, una folgorazione. Libri border line, crudi e a volte non sense, ma terribilmente interessanti!

Descrivi la tua relazione corrente: Mondo senza fine - beh insomma, dichiarazione d'amore bella e buona!
Secondo capitolo della saga de "I pilastri della terra" (che proprio Cri mi ha convinta a leggere). Unite Inghilterra+storia+Follett e cosa trovate? Una delle mie ossessioni letterarie recenti.




Dove vorresti trovarti? Middle England - Sto per partire per la Polonia e credetemi quando vi dico che ne ho una gran voglia! Però io vorrei sempre trovarmi nel mezzo dell'Inghilterra. In quella terra di mezzo di Tolkiana memoria (e magari anche un po' più su).
Middle England (insieme con "la banda dei brocchi" e "circolo chiuso") sono libri da leggere per capire l'Inghilterra di oggi.

Come ti senti nei riguardi dell'amore? La meccanica del cuore - per me parlare di sentimenti non è mai facile, come non è facile viverli, insomma è sempre un meccanismo complesso che devo oliare spesso.
Libro che mi ha lasciato un po' perplessa. Non brutto in senso stretto, racchiude molte atmosfere Burtoniane, è una favola d'amore un po' amara. Spera di trovarci più Edimburgo.

Come descriveresti la tua vita? Zazie nel metro - Amo alla follia i mezzi pubblici e le metropolitane del mondo, quindi non è così sbagliato. E poi sono una che cammina, cammina tanto, sempre.
Zazie nel metro l'ho letto tantissimi anni fa, credo a 14/15 anni. Mi ha segnata e ha segnato molto del mio amore per Parigi. Quando poi ci sono stata, a Parigi, ho cercato (e cerco ogni volta) le atmosfere presenti in quel libro.

Cosa chiederesti se avessi a disposizione solo un desiderio? Il giro del mondo in 80 giorni - e cosa potevo chiedere io? Ovviamente di viaggiare!
Un classico ci sta sempre bene, o no? Poi leggerlo in vacanza mi pare una bellissima idea!

Dì qualcosa di saggio: We should all be feminist - Più saggio di credere nell'uguaglianza tra i sessi cosa c'è?
Pamphlet di Chimamamnda Ngozi che tutti dovremmo leggere, è vero che in vacanza si sta sul leggero ma questo libro è davvero necessario.

Una musica 1Q84 - mentre leggevo i tre libri di Murakami mi sembrava proprio di stare nel mezzo di una canzone, l'atmosfera rarefatta e la cantilena perfetta dello scritto. Non so, mi ha ricordato proprio una musica.

Chi o cosa temi? Presagio triste - Da un po' di tempo a questa parte vivo in uno stato di grazia. Sto bene, bene con me stessa, bene con le persone intorno a me. Bene, in generale. Ovvio che in questi momenti si teme sempre la caduta, l'evento che cambia le cose, perché facilmente sarà dietro l'angolo.
Uno dei libri che più ho amato di Banana, morte e rinascita, cambiamento e rapporti famigliari. Insomma temi che a me prendono in maniera particolare.

Un rimpianto: Londra, una biografia - Io rimpianti non ne ho, sinceramente. Infatti avrei voluto mettere Non si piange sul latte macchiato, una raccolta di racconti gialli divertenti. Però mi andava di consigliarvi un libro che ho adorato e così... Diciamo che mi sarebbe piaciuto vivere a Londra per qualche periodo da giovane, ormai il tempo è passato (non che non possa farlo più avanti ma per il momento è molto difficile) e così lo metto qui!
Londra, una biografia è un libro perfetto per chi ama Londra e vuole scoprirne qualche curiosità.

Un consiglio per chi è più giovane: Quando siete felici, fateci caso - secondo audiolibro ascoltato, un'illuminazione. Il primo Vonnegut, cui seguiranno senz'altro gli altri, e grande amore. Il titolo dice tutto ma spiega solo in parte la bellezza e la profondità dei discorsi di Vonnegut ai giovani diplomandi/laureandi. 

Da evitare accuratamente: Sonno profondo - l'apatia, il sonno vanno sempre evitati. Bisogna essere vigili sempre, curiosi del mondo e aver voglia di scoprirlo ogni giorno.
Il cambiamento come ancora di salvataggio, lo trovo un libro utile, una Banana non al meglio ma che ci mette molto di se stessa.



E ora tocca a voi, se avete voglia descrivetevi usando i libri!


Commenti

  1. La cosa che hai scritto sul vivere a Londra da giovane la penso pure io, ma con Helsinki. Mi sarebbe piaciuto fare un'esperienza di vita lì, perché ora è diventato difficile. Comunque bella l'idea del descriverti coi titoli dei libri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, quando inizi ad avere un lavoro stabile, i genitori che non diventano giovani, ecc.. è sempre più complicato decidere di prendere e andare. Anche se, ti dirò, inizio a essere veramente insofferente del nostro Paese.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Conoscere la Russia con Paolo Nori

Un altro anno è passato. Sono sempre io.

La penisola di Gower: il mio giorno perfetto in Galles

Le cose (e le persone) che odio in viaggio