Le cose che amo del Regno Unito


Era il 2012 quando misi piede per la prima volta nel Regno Unito e come per molti la prima meta è stata Londra, la classica Londra.
Prima di quel viaggio del Regno Unito amavo soprattutto due cose: la birra e il calcio. E ammetto che lo conoscevo abbastanza poco, se non quel tanto che basta da amante della storia (e appassionata soprattutto dell’epoca elisabettiana).
Non ho mai subito il fascino britannico da adolescente, ho sempre sentito maggiore attrazione per la Germania e le terre austro-ungariche.

Londra me l’ha quasi imposta il mio compagno, vero e proprio appassionato di UK. E la prima volta che l’ho incontrata mi è piaciuta ma non mi ha fatto impazzire. Mi è sembrata troppo vetrina, troppo di plastica. Non era quello che mi aspettavo.

Poi siamo tornati da quelle parti altre volte, molte a Londra e un po’ nei dintorni (Galles, Liverpool e quest'estate sarà Nord Est!). E piano piano l’inglesitudine si è fatta strada in me e lo capisco da queste cose:

HO BISOGNO DELLE “BIRRE VERE”: e sì, sempre più spesso ho necessità di Real Ale, buone e oneste birre britanniche, poco gasate, quasi senza schiuma, corpose e con tanto da dire.

LA RICERCA PERENNE DEI PUB: ho la fortuna di abitare a pochi passi da un bellissimo, piccolo, pub che mi ricorda molto i veri british pub. E ogni poco devo farci tappa, per placare la sete. E mangiare tanto buon fish and chips.

Queste due cose (i libri e le serie tv britanniche) sono quello che mi permette di curare l’astinenza.

Quello che amo di più del Regno Unito sono le persone. Forse a molti turisti / viaggiatori italiani, abituati soprattutto alla city di Londra questo potrà sembrare strano. Ma credetemi, i britannici sono meravigliosi, accoglienti e super disponibili con i viaggiatori. Parlate con il publican (il gestore del pub), ditegli da dove venite, raccontategli i vostri gusti in termini di birre e molto spesso avrete ottime risposte. In molti luoghi non vedono molti turisti italiani.

Le case, le belle casette in mattoni rossi, una in fila all’altra, tutte uguali ma tutte personalizzate con una porta, un giardino, una pianta. Sono uno spettacolo mentre si cammina per le cittadine britanniche.

Le riqualificazioni industriali. Molta parte del Regno Unito è stata il motore della Rivoluzione industriale. E fino a pochi anni fa c'erano fabbriche, miniere, porti ancora in uso. Oggi, dopo lacrime, sangue e una crisi dura e lunga, hanno saputo inventarsi una nuova vita, fatta di locali, musei, storia e anima. Sono luoghi dove si respira ancora profondamente quello che è stato ma dove si guarda audacemente verso il futuro.

Lo steaky toffee pudding: una meraviglia di dolce, non dietetico ma meravigliosamente ricco e corposo (in fondo è un dolce, non una barretta dietetica).

I musei gratis. Perché per me la cultura deve essere fruita dalle persone, a portata di mano, aperta e inclusiva.

Il Sunday roast: una meraviglia per palato e portafoglio, la bellezza dei pub pieni di famiglie la domenica che celebrano lo stare insieme a tavola.



Il diritto di passaggio (e i vari Foot Path): una cosa meravigliosa per cui si può transitare ovunque (anche su terre di proprietà privata) a meno che non sia esplicitamente indicato diversamente (a patto, ovviamente, di lasciare tutto come si è trovato e di chiudere eventuali cancelli dopo il passaggio). Lo trovo indice di grande civiltà e una cosa sacrosanta, perché alla fine la terra è di tutti!

La comunità: è la base della società britannica e ne avrete molti esempi. Ad esempio in una rivendita di Pie a Liverpool (proprio davanti ad Anfield) che assume solo ragazzi della zona in cerca di occupazione e ragazzi con qualche difficoltà di inserimento. Oppure in un hotel a Londra, zona Canning Town/Victoria Docks che assume disoccupati del quartiere e persone in disagio economico.


Commenti

Post popolari in questo blog

Sua maestà il Culatello!

Memorie di Adriano

Dresda - in giro con i mezzi pubblici per scoprire qualche chicca

#in5foto: Wroclaw/Breslavia gioventù e cultura