Tra confini e fenici

Il count down sul mio telefono dice che mancano 27 giorni alla partenza (e dice anche che tra 39 giorni sarò a Berlino).
Il tempo scorre veloce, la voglia della partenza è incontenibile ormai.

Scorro le pagine di instagram delle città che visiterò, cerco notizie sui giornali on line, ogni scusa è buona per guardare qualche foto, spero sempre in un documentario ad hoc.

Guardo gli aerei nel cielo e so che tra pochi giorni sarò anche io lassù (dopo aver sbuffato come sempre in coda ai desk EasyJet - ma perché vi ostinate a fare un check in unico per tutti?), felice ed emozionata.

Mentre sarò sull'aereo, pur avendo aperto il libro che leggerò al momento, so già che freneticamente scartabellerò tra le pagine stampate, le guide, cercando la cartina per arrivare dall'aeroporto all'albergo, verificherò di avere la prenotazione mille volte, ripasserò in testa quello che dovrò dire.


Intanto però, oggi, posso dire che è tutto a posto, organizzato nei minimi dettagli. E ho voglia di condividere un po' di cose con voi, anche perché sono stanca di sentire la frase "ma come fai, dove li prendi i soldi?". Ecco allora un po' di passi per organizzare l'itinerario e i soldi che abbiamo speso (o spenderemo durante il viaggio).

La meta l'abbiamo scelta verso la fine di settembre. Ci avevano intrigato un po' di immagini viste qua e la e abbiamo richiesto all'efficientissimo servizio turistico della Sassonia che ci ha inviato splendide brochure che dicevano solo "venite, venite..". Devo dire davvero tra le migliori brochure mai viste, carta patinata, divise per vari argomenti, mille mappe e mappine. Fantastiche!
A quel punto dovevamo solo stabilire l'itinerario. E ogni itinerario parte da un aeroporto... e allora, quello più vicino era Praga, e così è stato. Presa! Però non volevamo fare un anello e io avevo voglia di tornare a Berlino (per pareggiare i conti con Londra, 3 volte per una). Ed ecco allora inizio e fine dell'itinerario, e tutta la Sassonia in mezzo.

A quel punto, comprate le varie guide turistiche e studiate per bene, scelte anche le tappe:

- Praga
- Dresda
- Gorlitz / Zgorlec (città di confine, mezza tedesca e mezza polacca, ambientazione di alcune scene di Bastardi senza Gloria)
- Torgau (dove vi fu l'incontro tra l'Armata Rossa e l'esercito americano)
- Lipsia
- Magdeburgo (ecco, qui siamo usciti dalla Sassonia. Questa meta è dovuta a uno splendido documentario della serie di Rai Storia ACDC - sulla guerra dei trent'anni)
- Berlino

Una volta scelte le tappe, nel corso dei mesi poi sono stati prenotati tutti gli alloggi, alcuni con booking, approfittando dell'opzione "paga all'arrivo", altri con Airbnb (qui bisogna sempre pagare alla prenotazione). In questo modo abbiamo suddiviso le spese degli alberghi in più mesi.

Per gli spostamenti vogliamo usare i mezzi pubblici, l'anno scorso in Galles ci siamo trovati benissimo. L'idea di base era, anche quest'anno, il treno, tra l'altro Deutsche Bahn offre anche un ottimo biglietto giornaliero che con 28 euro fa viaggiare in Sassonia in due persone. Poi però indagando un po' sono venuti fuori i pullman di Flixbus, ne leggo recensioni entusiaste e quindi visti i prezzi super competitivi perché non provarci? E così negli ultimi due mesi abbiamo prenotato anche i trasporti.

Ed ora eccoci qui, carte alla mano, a fare i conti:

Questi sono i nostri costi, direi che per 15 notti non sono niente male. In fondo basta davvero un po' di organizzazione preventiva, un attimo di tempo e voglia di dedicarsi al viaggio (che a me non manca mai) e il gioco è fatto.

Poi lo sapete, se volete consigli (e non avete paura di essere stalkerati da me per giorni) non avete che da chiedere.





Commenti

Post popolari in questo blog

Liverpool: ritrovare i Beatles a Penny Lane

Primo post

Peperoni al forno con crema di tonno

New Brighton: storia di un sogno