Parigi è sempre una buona idea

La storia è sempre la stessa. C’è di mezzo Parigi, una piccola bottega, un libro, un equivoco e due persone che si incontrano.

Barreau si ripete, sempre uguale a se stesso, ma quell’essere uguale che rassicura, come il Natale. Quando apri un suo libro sai cosa aspettarti, e sei felice di trovarlo. Di non esserti sbagliata. E ti perdi di nuovo nell’atmosfera unica di Parigi, indossando per qualche ora gli occhiali rosa.

Sono belli, i libri di Nicolas Barreau (e chissà se prima o poi si scoprirà chi si cela davvero dietro questo pseudonimo), proprio perché rassicuranti. Non diventeranno mai capisaldi della letteratura, pietre miliari. Ma ce n’è davvero bisogno? A volte si ha bisogno di evadere, e con lui lo si fa al meglio. Una storia leggera, divertente, di cui si indovina il finale quasi dalle prime righe, ma proprio per questo riposante. Scrive bene e sa raccontare bene Parigi, la Parigi che tutti sognano, quella dei cliché che tutte vogliamo in un romanzo romantico. Lo sfondo perfetto.


E se ogni tanto vivessimo davvero, almeno per un po’, come in uno dei suoi romanzi il mondo sarebbe molto più bello. Se provassimo, ogni tanto, a toglierci la patina grigia che ci accompagna e vedessimo ancora la bellezza di un bambino che ride allora la nostra giornata sarebbe migliore. È anche per questo che leggo Barreau, per riuscire a ritrovare quella parte di me che si perde nella quotidianità.  

"Parigi è sempre una buona idea, aveva detto sua madre. Non importa se sei felice o triste, non importa se sei innamorato o no. Anzi, quando sei triste o non sei innamorato, Parigi è addirittura un'ottima idea."

Ed. Feltrinelli - I narratori
P. 264 - € 15,00

Consigliato a chi: vuole perdersi in pensieri positivi (e in una bellissima Parigi) per qualche ora. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Primo post

Liverpool: ritrovare i Beatles a Penny Lane

Peperoni al forno con crema di tonno

New Brighton: storia di un sogno