Fonte di ispirazione. GRAZIE

In questi giorni mi capita spesso di trovarmi di fronte a persone (o avvenimenti) che sono fonti di ispirazione.

Tempo fa avevo scritto già su alcune persone che rappresentano i miei fari, persone ispiranti e verso cui aspirare. Ne avevo scritto in un articolo dedicato al mio personalissimo Pantheon e in uno dedicato invece alle MIE donne, le mie amiche, che sono donne meravigliose e forti. 

Ma i mesi passano, la vita scorre. E le situazioni ci mettono di fronte cose nuove. E persone nuove. Spesso, negli ultimi tempi mi sono trovata di fronte il Cammino di Santiago, soprattutto grazie a una mia carissima amica che lo sta affrontando per la seconda volta. 
Attraverso di lei, quello che pubblica sui social network e attraverso la sua esperienza sto scoprendo persone bellissime che sono di ispirazione. 

In particolare  Pierangelo e Federico Cappai dell’associazione Diversamente ONLUS, che camminano che hanno camminato, per sensibilizzare le persone al tema dell’autismo. Se vorrete scoprire di più su di loro, sul loro cammino (di Santiago e nella vita di tutti i giorni) qui è la pagina facebook dedicata. Vedere questo ragazzo, che vive nel suo mondo, affrontare la strada seguendo la freccia gialla, un passo alla volta, è stato davvero emozionante. 
E poi Pietro Scidurlo, ragazzo paraplegico, con tanta forza. Che ha trasformato la rabbia in qualcosa di grande, per far capire a tutti che le barriere sono soprattutto mentali. Per farsi ispirare, conoscere la sua storia e aiutare –concretamente – il suo progetto ci lascio il link

E la mia mente va a Frida Kahlo. Una grandissima donna di cui ho già parlato tanto in questo blog.  
Frida ha avuto una forza d’animo incredibile. Di fronte alle sfide e agli scherzi del destino, si è sempre opposta e battuta per ottenere la vita che voleva. Nonostante le tante avversità.
Ed è questo che rende queste persone grandissime. L’aver ottenuto quello che si erano prefissati lottando nelle difficoltà. 

Sono persone speciali perché noi, semplici esseri umani, ci arrendiamo a volte di fronte a situazioni molto meno complicate, con soluzioni semplici.

Invece dobbiamo sempre ricordarci che la forza d’animo è dentro di noi, dobbiamo coltivarla, cercarla e farla crescere. E lottare sempre per quello in cui crediamo, per quello che vogliamo. E fare di tutto per ottenerlo.

In questo, credo, il Cammino di Santiago è una bellissima metafora. Si cammina, soli pur in mezzo a tanta gente, si affrontano salite e discese, sole e pioggia, giornate buone e giornate meno buone, vesciche e dolori. Ma un passo dopo l’altro si arriva alla meta. Facendosi aiutare quando abbiamo bisogno di un sostegno, fidandosi di noi stessi e degli altri, aprendo il nostro cuore e godendo di ogni attimo, di ogni piccolo successo, di ogni alba e di ogni incontro.

E questo è quello che vorrei fare mio ogni giorno, questo è quello che queste persone, la mia amica Daniela, Pierangelo, Federico, Pietro e Frida mi hanno dato in questi ultimi mesi, questo è quello che cerco di portare con me ogni giorno.

Grazie a loro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Manobrier, atmosfera da Barnaby e ricerca della serenità

La magia della Valle Aurina: potenza della natura

Andare in Russia: il visto

Eva dorme