E' il mio corpo che cambia

Lo sapete, ho messo su un paio di chili da quando ho smesso di fumare (ca. 4 mesi fa). Non ho mai avuto problemi col mio corpo, per dire indoss(av)o ancora vestiti di quando avevo 16 anni. Si è solo trattato di accettarlo, come per tutti adolescenza da incazzata ma ora piena consapevolezza e gioia per quello che ho.

Questi due chili hanno un po' scombussolato tutto. Forse perché sono arrivati alla fine di un anno bello e complicato, pieno di tante cose. Cambiamenti interni ed esterni che già stavo cercando di capire ed accettare. Ho pensato alla dieta, ma non fa per me. Troppa gioia per la cucina. Ho provato con lo sport (corsa) ma ho dovuto mollare dopo due settimane causa ginocchia operate che non hanno gradito.
Mi rimane solo camminare. E poi la cosa più importante. Accettarmi. Accettarmi per quello che sono, per il cambiamento che sta interessando me e il mio fisico. E lo sto facendo. E so che ci riuscirò. A dirla tutta in questo momento quello che più mi da noia dei due chili messi sono i vestiti (più che altro i pantaloni) che mi stanno stretti e mi danno fastidio (soprattutto quelli che più mi piacevano). Insomma sono terrorizzata (e pure il mio portafogli lo è) dall'idea di dover cambiare l'armadio... Non ce la posso fare!

Ma soprattutto quello che mi da più fastidio sono le foto e i mega articoli sui giornali (e parlo anche di Corriere e Repubblica non solo di Novella 2000) circa quanto sono magre e belle le vips del momento a 30 - 40 - 50 - 60 anni con tanto di foto di tizia o caia in bikini. 
Soprattutto mi da fastidio che sullo stesso giornale si cerchi da un lato di fare l'elogio della normalità. Di quanto è bello accettarsi per come si è, del fatto che anche i difetti possono essere punti di forza, che grasso (moderato) è bello, ecc.. e poi si spiattellino foto di fisici improbabili e irraggiungibili per una donna normale che ha un lavoro e una famiglia.

Basta proporre diete da fame e poi dire che bisogna accettarsi. Pubblicizzare esercizi da contorsioniste e poi dire che bisogna volersi bene. Ricette a tutte le ore del giorno e della notte ma nei negozi fai fatica a trovare una 40.. BASTA! Un minimo di coerenza è difficile da ottenere? Penso proprio di sì, penso proprio che sia una parola in via di estinzione. Perché ormai si cerca di accontentare tutti sempre. Un po' come fa il PD. E allora va bene parlare di donne e dei loro problemi (vedi 27Ora) ma mettiamo anche tette e culi in copertina (dell'edizione on line) perché anche l'occhio vuole la sua parte! Ma certo!

Commenti

Post popolari in questo blog

Liverpool: ritrovare i Beatles a Penny Lane

Primo post

Peperoni al forno con crema di tonno

New Brighton: storia di un sogno