Tramonti a nord est: l'organizzazione

Mancano 49 giorni. Tra 49 giorni calpesterò per la prima volta il suolo estone e mi immergerò in un viaggio che frulla nella nostra testa da un anno e mezzo.

"Siate cortesi con tutti, ma fare amicizia con pochi. La vera amicizia è una pianta che cresce lentamente. Dovrà sottoporti a prove ed essere in grado di resistere agli urti del destino, prima di avere il diritto di portare questo nome" - Proverbio estone

Eravamo andati a Mosca, a ottobre 2015. La città ci è piaciuta talmente poco che mentre stavamo tornando in aeroporto già pensavamo a quando tornarci. E il tour che avevamo pensato per questo ritorno è esattamente quello che faremo quest'estate: Tallinn - Helsinki - San Pietroburgo - Mosca.

Il tour

A livello organizzativo devo dire che è stato uno dei più complessi, vuoi perché ci sono di mezzo tre Paesi, vuoi perché uno di questi è la Russia e io non conosco mezza parola in russo e il cirillico lo capisco per quanto mi ha insegnato la Deja, durante assonnati pomeriggi in Bixio quando tra statistica e l'alfabeto cirillico sembrava molto più interessante il secondo.
Ma con calma, pazienza e un po' di organizzazione, tutto si fa.

Partiamo dal principio e vi racconto come sono riuscita a far star dentro tutto per meno di 1.000 Euro a testa (aerei e visto compresi).

Come dicevo le tappe erano già belle che decise da tempo. Ora non restava che prenotare gli aerei, qui devo dire che ci sono state diverse opzioni. Noi alla fine abbiamo scelto per un EasyJet (ormai siamo abituali) per Tallin e il ritorno da Mosca con Brussells Airlines, scegliendo più la comodità che il prezzo (si può volare economicamente da Mosca su Milano anche con S7 e Pobeda però si atterra  Malpensa o Orio): noi abitiamo vicinissimi a Linate, atterrare lì non ha prezzo. Alla fine spendendo qualche euro in più (ma risparmiando sul transfer) siamo a mezz'ora da casa, scarsa.
Il totale per i voli è stato di 460 Euro, in due, prenotando i voli a marzo.

A questa spesa di aggiungono 30 euro (in due) di transfer per arrivare ai due aeroporti. Per Domodedovo il mezzo più comodo è l'aeroexpress, un treno che in mezz'ora porta da Mosca al terminal. Cosa 6,50 Euro e si prenota on line facilmente, viene poi mandato un sms con un QRCode per superare i controlli e salire sul treno (fatene uno screenshot, in caso non funzionasse nessun wifi in zona).

Ora il dilemma era come muoversi da una tappa all'altra. Come sapete cerchiamo sempre di scegliere i trasporti pubblici, se possibile. E in questo viaggio tutto assume un carattere di magia. Da Tallinn a Helsinki la scelta era facilissima: traghetto... la magia di una traversata sul Baltico, attraverso un braccio di mare magico e raccontato da tanti scrittori. Il traghetto, prenotato a maggio, ha avuto un costo di 46 euro (ovviamente senza cabina, che per due ore voglio godermi la brezza del mare, il vento tra i capelli e la vista di Helsinki che si avvicina).
Altra idea era fare anche Helsinki - SPB in nave, di notte. Ma purtroppo nel giorno che volevamo viaggiare non c'era questa possibilità e cambiare le date sarebbe stato un gran caos. Così treno! Anche qui, si poteva risparmiare ancora scegliendo l'autobus: 7 ore e mezza e passa la paura (il costo è sui 15 euro)! Il treno però, in poco più di tre ore ti porta a destinazione, decisamente più comodo. Come tutte le ferrovie (chissà perché poi) le prenotazioni aprono due mesi prima. Ed ecco che due giorni fa ho prenotato il fantastico treno Allegro! 118 euro, in due.
L'ultima tappa era un must: treno. Avremmo anche qui potuto optare per un notturno (circa 9 ore)... Alla fine però la scelta è ricaduta su un pratico comodo e veloce Sapsan. La prenotazione l'ho appena fatta, due mesi esatti prima, il prezzo migliore disponibile: 60 euro in due (3 ore e 45 minuti)!
Sì, prenotare i treni sul sito delle ferrovie russe non è semplicissimo. Ma neanche così impossibile. Il sito da usare è quello ufficiale, che è tradotto anche in inglese (per buona parte): cliccate sulla bandierina inglese in alto a destra. Potete prenotare da 60 giorni (esatti) prima. Dovete fare una breve registrazione e poi inserire i dati: nome - cognome - data di nascita - sesso e documento (cliccate su: altro documento straniero e non su passaporto straniero, credo che per passaporto straniero intendano comunque un passaporto dell'ex area URSS). Nell'indicazione del nome è presente anche la casella: middle name / patronimic: per noi che non ne abbiamo (o secondi nomi o patronimici) basta mettere un segno meno: - (uno solo! Con due vi da errore)!
Con circa 224 Euro viaggeremo tra Helsinki e Mosca!

E ora gli alloggi. Qui la spesa è stata divisa, tra aprile e maggio (e poi ad agosto salderemo l'albergo di Mosca). Per le due prime tappe abbiamo optato per Airbnb, che ci ha dato ottime soluzioni e un ottimo prezzo.
A Tallinn facciamo tre notti con 132 euro, nel quartiere di Kalamaja (proprio quello che volevo). A Helsinki siamo usciti dal centro, dormiremo sull'isola di Lautasaari (15 minuti dal centro): tre notti 130 euro. Era quello che volevo: natura, fuori dal centro. Entrambe le soluzioni sono intere case a nostra disposizione.
In Russia ho preferito gli alberghi, e la mia fonte è sempre Booking. Per SPB, hotel con colazione (bagno privato), a pochi passi dalla stazione Mosca (per noi comodissimo)  145 euro. E a Mosca un albergo vicino al Cremlino, stanza con bagno privato ma senza finestre (gettonatissime a nord),  per 130 euro 3 notti!
Quindi per dormire spenderemo un totale di circa 540 Euro, in due!

Il visto russo è sempre la nota dolente, il costo bene o male è quello: 135 euro a persona per il servizio completo (invito - assicurazione - visto e disbrigo pratiche con spedizione del passaporto al domicilio). Ho provato e riprovato a calcolare la spesa col fai da te, magari si risparmia qualche 10 euro ma con lo sbattimento di dover andare al centro visti, perdendo la giornata lavorativa. Alla fine la cosa più comoda è rivolgersi ad un'agenzia. Io ho usato (come la prima volta a Mosca) Rusoperator, mi sono trovata benissimo, Ekaterina è davvero preziosa e disponibile.
270 euro e il visto, per due persone è fatto! Questa è la spesa che ho programmato per luglio. L'ultima cosa da pagare prima di partire.

Ci sono poi i trasporti pubblici in ogni città, tolti i transfer staremo su 70 Euro per i vari giornalieri (o simili): si va dai 5 euro per tre giorni a Tallin ai 18 euro per gli stessi giorni a Helsinki...

Ed ecco che con circa 800 euro a testa si organizza un viaggetto di 13 notti nel nord est, aspettando tramonti, luci incantevoli e magia. 



Commenti

  1. Farete davvero un bel giro, complimenti per la scelta. Io amo la Finlandia e adoro Helsinki (se ti serve qualche consiglio su cose da vedere sono qui) ma per una seconda volta lassù mi piacerebbe optare per un giro a Tallinn o a San Pietroburgo. E' complicato avere il visto? La cosa dell'invito non mi è chiara, bisogna conoscere per forza un russo?

    RispondiElimina
  2. Ciao! Per Helsinki qualsiasi consiglio è ben accetto.
    Per il visto russo io mi rivolgo sempre ad un'agenzia perché non trovo tanta convenienza a farlo soli (saranno giusto 10/20€ ma con molti più sbattimento). Non è necessario sapere il russo, l'invito molti albergo te lo forniscono, alcuni a pagamento (30€), altri gratis. Ma con l'agenzia è compreso anche quello.
    Il visto per farlo soli devi compilare un modulo, procurarti l'invito e l'assicurazione (con i requisiti richiesti e con base in Russia) e poi prendere l'appuntamento. (Milano e Roma mi pare).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, allora sarei fortunata perché abito a Roma e dalle mie parti ci sono tre o quattro agenzie di viaggi! Meno male, allora è fattibile!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Liverpool: ritrovare i Beatles a Penny Lane

Primo post

Peperoni al forno con crema di tonno

New Brighton: storia di un sogno