Amrita

Amrita, ovvero l'acqua che bevono gli Dei. La vita, l'acqua. Questo libro per molti versi è come bere un bicchiere pieno di vita. Non è un libro semplice, si vede che anche lei ha fatto fatica a tirarlo fuori, eppure la vitalità dei personaggi esce limpida, come dell'ottima acqua.
A volte questa sete di vitalità ti spinge fino giù dal burrone. Ma anche la morte è parte della vita, e questo tema Banana lo inserisce sempre nei suoi libri. Il circolo vita e morte, i due regni, non sono qualcosa di separato ma si intersecano e convivono.

In questo libro il tema centrale sono i ricordi, che creano legami e solitudini, che sono alla base di qualsiasi relazione, anche famigliare. Perché si è famiglia nel momento in cui si condividono e si creano ricordi comuni. Questa è la radice, non il sangue, non i rapporti dati dal DNA. Ma i ricordi che generiamo vivendo a stretto contatto.
E così, anche un nucleo originale ed eterogeneo come quello di Sakumi: mamma, fratellastro piccolo, amica della mamma e cugina in pensione, diventano una famiglia vera e propria, con le sue logiche e dinamiche. E crescono i legami perché ogni giorno si generano nuovi ricordi.
Ed è così che, quando perdiamo quei ricordi, ci sentiamo soli e sperduti nel mondo. Fragili. E lottiamo ogni giorno, con tutte le nostre energie, per ritrovarli e sentirci nuovamente noi.

Il rapporto con i ricordi, l'affermazione di sé attraverso di essi, e poi il rapporto con la morte. Quello che la morte produce dentro di noi e il modo in cui ci relazioniamo con gli spiriti dei defunti. Non in senso necessariamente religioso, anche qui, gli spiriti sono più i ricordi dei nostri cari che restano nell'aria anche quando se ne vanno. E cosa ne facciamo noi di questi ricordi definisce il nostro essere. Ci fa sentire meno soli.

Solitudine, ricordi, legami con i morti. I temi cari a Banana Yoshimoto, tornano sempre sotto nuove forme. La famiglia, gli amici come famiglia alternativa, importante e centrale per l'individuo che è sempre più solo.
Il tutto raccontato dalle solite, meravigliose, atmosfere rarefatte. Come fossimo sempre nel dormiveglia e vedessimo delle splendide immagini intorno a noi. Un sogno, ogni libro di Banana è un sogno che lei ci regala.


Amrita - B. Yoshimoto
Ed. UEF
pag. 308 - Euro 8,00

Consigliato a chi: vuole indagare sui suoi legami, i suoi ricordi 

Commenti

Post popolari in questo blog

Helsniki: inaspettata art nouveau

Primo post

Peperoni al forno con crema di tonno