Compiti per tutti - 1/7 novembre

E' facile vedere il fanatismo, la rigidità e l'intolleranza negli altri. Ma è più difficile riconoscerli in sé stessi. Hai il coraggio di farlo?

Buongiorno mi presento, sono Miss rigidità e intolleranza. Non è che sia intollerante, fanatica o rigida nel senso in cui tutti normalmente intendono queste parole. Molti miei amici, quando mi descrivono, dicono che sono una delle teste più aperte che conoscono. Che difficilmente hanno incontrato una persona di vedute più larghe delle mie, ecc.

La mia intolleranza si riflette su tutte quelle persone vuote, insignificanti, ignoranti. Io lì proprio non ce la faccio. Mi rendo conto che questo è un mio grande limite. Perché io proprio non riesco ad adattarmi a certe situazioni.
Per esempio, la mia sorellina stamattina mi parlava di un evento al quale ha partecipato con sua mamma. A questo evento partecipavano molte starlettine tenute insieme con lo scotch e il cui problema più grande è decidere se andare a St Moritz o Cortina..
Tant'è, sia lei sia sua mamma erano lì per lavoro, quindi non si scappa. Lei come me appena ha potuto ha preso la via della fuga perché le stava venendo l'orticaria. Invece sua mamma ha saputo adattarsi, fare buon viso a cattivo gioco ed essere splendidamente professionale! Invidio molto queste persone. Il mio compagno è così, lui si adatta a tutte le situazioni. Riesce a trovarsi benissimo a Leoncavallo come al The Club... Credo sia una dote, una capacità di certe persone importante anche ai fini della sopravvivenza della specie.
Io non sono per niente così. L'unica volta in cui siamo finiti al The Club stava per venirmi un attacco di panico. Proprio non riesco.
Così come non riesco a mantenere rapporti finiti, di facciata.

So che questo è uno dei miei grandi limiti. Nella vita privata come al lavoro. Ma pur avendo lavorato molto su me stessa su questo aspetto non riesco a scendere a compromessi. Forse perché, semplicemente, non mi interessa farlo. :-)

Commenti

Post popolari in questo blog

Helsniki: inaspettata art nouveau

Primo post

Peperoni al forno con crema di tonno