Londra... rotolando verso sud

Questo è lo scorrere di emozioni che mi ha portato esplorare la zona sud di Londra.
Ero a Londra per la terza volta e avevo scelto di alloggiare a sud per essere vicino a Greenwich. Fin da piccola il meridiano ha scandito le ore della mia vita, mia nonna (quando eravamo da lei, e capitava spesso) alle 20.30 annunciava perentoria (e con il generale c'è poco da scherzare) "ora di Greenwinch, i bambini tutti a letto"! 
E così quel luogo è entrato nel mio immaginario, in un angolo della mia mente. Ed era arrivato il momento di vedere Greenwich (adesso che all'ora del meridiano di Greenwich sto - forse - iniziandoa  mangiare).


Ma,  come a tutte le cose che voglio fortissimamente, mi piace avvicinarmici lentamente. Assaporare quel momento a lungo. E così è stato anche quel giorno.

Abbiamo preso un pullman da Bermondsey che ha fatto un giro infinito per portarci quasi davanti allo stadio del Millwall (squadra rivalissima del West Ham tifato dal mio moroso).
Zona di periferia, sgarrupata, border line.











Da lì abbiamo recuperato il pullman che ci ha portato a Canada Water dove abbiamo preso la metro per Canary Wharf. La mia idea iniziale era arrivare a Greenwich camminando un po'...


Canary Wharf è zona futuristica, di uffici e cantieri per altri uffici. Grattacieli strani, giganti di vetro e acciaio. Ci si sentiva un po' soffocare ma c'era anche della poesia, perché va bene il futurismo ma gli inglesi non possono non piazzarci pure un giardino. Poi il Tamigi è lì a due passi. Qui siamo in piena Isle of Dog, vista su North Greenwich e la O2 Arena. A piedi non abbiamo capito dove andare, magari sarà anche stato il vento gelido che colpiva a tradimento.






E allora via, DLR e Island Garden per poter attraversare il tunnel che ci avrebbe fatto arrivare a Greenwich. Il panorama da qui è splendido.
Questa volta ci sono arrivata di sera, tornerò a Londra d'estate e mi godrò i giardini e la vista col sole, per goderne appieno.







Superato il tunnel (circa un quarto di miglio) si è a Greenwich.




L'abbiamo conosciuta di sera, buio, visione un po' distorta quindi. Però ci è parsa viva, vivace, ricca di posticini interessanti e di gente dinamica (sicuramente contribuisce anche l'università).
Un posto dove tornare e continuare ad esplorare.







Ma il sud non è solo Millwall e Greenwich. C'è moltissimo in questo sud di Londra, zona sicuramente popolare poco pettinata e per questo vera e bella.

Parchi di zona (ovviamente), belle casette, strutture avveniristiche (come la Shard di Piano o il London Eye) e vedute del Tamigi splendide.









Esploratela gente, esploratela. Il mezzo più comodo per arrivare qui? Sicuramente la metro: Jubilee Line e sarete subito a Waterloo / London Bridge ecc.. E da lì pronti per l'esplorazione.
So che c'è ancora molto sud da vedere. 







La mia Oyster è ancora piena, quindi ci sarà senz'altro una prossima volta! Arrivederci Londra!  

Commenti

Post popolari in questo blog

Helsniki: inaspettata art nouveau

Primo post

Peperoni al forno con crema di tonno