Capodanno tra Chianti, prosciutto, mura e torri

Quest'anno Capodanno regalava un bel ponte di tre giorni pieni, quindi la scelta della meta è stata impegnativa e ponderata molto bene. Alla fine la scelta è ricaduta su Lucca, città medioevale ricca di fascino e con la possibilità di metterci un giorno a Pisa per sfruttare al meglio i giorni di ferie. E via, treno da Milano e in circa 4 ore si arriva.

l'ingresso di piazza Anfiteatro
Lucca ci accoglie con una giornata non troppo fredda e la nostra padrona di casa che ci viene a prendere in stazione, anche se la stanza non è per niente lontana dalla stazione.
Il posto è bellissimo, gestito da Valentina una padrona di casa gentile e attenta. Lei e sua mamma si aiutano a vicenda nella gestione e sono gentilissime, anche prima del nostro arrivo mi hanno aiutato molto per la ricerca del ristorante dove fare il cenone e altre richieste. Il posto è molto carino, una stanza grande con un bagno perfetto, romantica, in una casa a due passi da piazza anfiteatro, all'interno delle mura. Incantevole davvero.
Sulle mura di Lucca



Lucca è una città romantica, ricca di arte, storia, cultura e.. locali. La cosa giro sulle mura, un anello di 4 chilometri intorno alla città, totalmente pedonale, ricco di verde. Una passeggiata tranquilla e rilassante, un'esperienza unica.
che più colpisce è il
Poi ci sono le innumerevoli chiese, sopratutto San Michele e San Martino con le loro facciate con le colonne tutte diverse, da restare a bocca aperta. E la statua di Ilaria del Carretto, ricordo di bambina indelebile nella memoria, splendida, leggera, dolce col cagnetto ai suoi piedi.
Via del Fosso
Poi ci sono le particolarità, come la via del fosso, con il canale e le casette basse. Come piazza anfiteatro, l'anfiteatro non c'è più, resta solo la forma, una magia. O la torre Guingi, con gli alberi secolari sul tetto.
E poi lo splendido museo LU.C.C.A., il museo dell'arte contemporanea. Un bellissimo spazio che quando siamo andati noi ospitava una mostra su De Chirico.
Ma c'è tanto tanto altro, ci sono localini interessantissimi come il Vinarkia, un'enoteca che la sera si trasforma in locale e si balla grazie ai DJ. Oppure ottimi ristoranti, come AMMODONOSTRO o IL MECENATE (che ci ha fatto passare uno splendido cenone, gustando il meglio che la toscana ha da offrire).

Piazza dei Miracoli
Oltre a Lucca c'è stata anche Pisa, Pisa un po' lasciata sempre in disparte, d'altronde quella piazza oscura tutto il resto. In realtà ci ha stupidi. Io ne avevo un ricordo sbiadito di bambina. Non la ricordavo così interessante e ricca di cose. Un  bel centro storico, con portici e piazzette, vicoletti e - anche qui - osterie interessanti come l'OSTERIA DEL TINTI! Nonostante la pioggia quasi incessante ci ha regalato una giornata bellissima e ricca di fascino.
Centro storico di Pisa

Due città che meritano una visita e attenzione, due perle della nostra bella Italia!

Consigli e link utili: 
Dormire a Lucca: B&B Jacaranda: romantico, pulito, in pieno centro. Ottima scelta!

Mangiare a Lucca: Ristorante Ammodo nostro: atmosfera calda, piatti splendidi! Il migliore spezzatino (Pepato) che abbia mai mangiato!!
Il Mecenate: ristorante di classe in una vecchia tintoria. Per una cena speciale!
(ma ce ne sono tantissimi)!
Mangiare a Pisa (la nostra scelta): Osteria del Tinti: cucina di gran qualità a prezzi abbordabilissimi!

Per una bevuta: Vinarkia: ottimi vini, bell'ambiente e un buffet nell'ora dell'happy hour di tutto rispetto

La gita si è conclusa a Firenze, aspettando il treno per rientrare a Milano. Sempre una bellissima emozione.
Guardando Ponte Vecchio

Commenti

Post popolari in questo blog

Helsniki: inaspettata art nouveau

Primo post

Peperoni al forno con crema di tonno