Notizie da un'isoletta

Ho riso molto leggendo questo libro ma a tratti ho sbuffato (di rabbia o di disaccordo) parecchio. È stata di fatto una conversazione con un amico, quelle conversazioni che partono durante una cena, magari dopo un viaggio, e in cui si parla del Paese visitato e ci si confronta.

Il libro è parecchio interessante, almeno lo è stato per me, sempre alla ricerca di conversazioni antropologiche  e di costume. Adoro questo genere, a metà tra una guida di viaggio, un diario, un trattato sociologico e un romanzo. 

L'autore ci accompagna nel suo lungo viaggio di addio alla Gran Bretagna, dopo 20 da americano expat ha deciso infatti di rientrare (famiglia al seguito) negli Stati Uniti. E così intraprende - in solitaria - un viaggio di 7 settimane intorno all'isoletta (come la definisce lui) per salutarla. Non mancano toni sprezzanti, critiche feroci ma anche occhi a cuore e grida d'amore.

Bryson dipinge un Regno Unito d'altri tempi (il libro è stato scritto nel 1995) e in questo è estremamente interessante concedersi qualche raffronto: come sono cambiate le ferrovie in questi vent'anni? E le città stesse? Volendo ci si potrebbe mettere all'opera e ripercorre i passi di Bryson per dipingere il proprio quadretto. 
Ma in questo libro ci sono anche i 20 anni di vita di Bryson in UK, gli scontri della fine degli anni '70, l'adattamento ai modi e alla società inglese, la crescita esponenziale dei centri commerciali e il miglioramento delle ferrovie (oltre che il disprezzo non troppo velato per il National Trust).

C'è tanta roba in questo libro, in questo viaggio. E davvero viene proprio voglia di fare le valigie e prendere il primo treno.





Bill Bryson
Notizie da un'isoletta - ed. Tea - Guanda
pag. 320 € 9,00

Consigliato a chi: ama i viaggi (specie in treno) e vuole perdersi nel viaggio più interessante, quello dentro una società. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Aiuto, parto per Berlino!

Quattro passi per il Dean Village di Edimburgo

Un altro anno è passato. Sono sempre io.