I giorni dell'eternità

Una grande storia, la nostra storia. Privato e pubblico, piccolo e grande, si intrecciano in questo splendido terzo capitolo della trilogia del secolo di Ken Follett.

Alla fine si piange, vi avverto. E nel mentre si ride, ci si arrabbia, ci si resta male e si gioisce con i vari personaggi. Del tutto tranne che persone comuni, eppure siamo noi stessi che ripercorriamo anni che sono patrimonio comune. Anche se non vissuti di persona.

Ci si emoziona durante il discorso di Martin Luther King "I have a dream", si piange per la morte di Kennedy, si gioisce per la caduta del muro. Per i fatti e per le storie private dei personaggi.

Una grande famiglia (anche se non tutti sanno dell'esistenza degli altri) sparsa tra URSS, Germania, UK e USA. E quando si chiude il libro si è sicuramente più cresciuti, perché per qualche attimo abbiamo davvero vestito i panni degli altri, e visto le cose dal loro punto di vista.

I giorni dell'eternità - K. Follett
Ed. Mondadori
pp. 1215 - € 25,00

Dedicato a chi: ha voglia di una grande storia (e ama la nostra storia)

Commenti

Post popolari in questo blog

Liverpool: ritrovare i Beatles a Penny Lane

Primo post

Peperoni al forno con crema di tonno

New Brighton: storia di un sogno