Zürich New Year!

Zurigo ha un’estensione di ca. 90 km2 per una popolazione di 400.000 abitanti (più o meno come Bologna, per avere un termine di paragone). Ha 1.200 fontane, tutte belle e particolari, una delle strade più care al mondo (Bahnohof Str.), in una delle sue chiese sono ospitate delle vetrate targate Chagall e lì si festeggia uno dei Capodanni più belli di Svizzera, con un gran spettacolo di fuochi d’artificio. E allora, ecco pronta la nostra meta per questa fine d’anno.
Paesino lungo la strada verso Zurigo

Il tragitto in treno è di per se un viaggio fantastico, immerso in montagne e paesaggi incantati. Subito dopo il San Gottardo il paesaggio cambia e improvvisamente siamo immersi in un mondo banco e ghiacciato. Magico davvero.




Ponte pedonale



All’arrivo a Zurigo ci attende però una giornata splendida, sole e una buona temperatura.
L’albergo è perfetto, a due passi dalla stazione, 8 camere (alcune con bagno in camera, altre – come la nostra – no) pulitissime e anche grandi, vista fiume. Il prezzo non è dei più economici che abbiamo mai incontrato, tutt’altro, ma d’altra parte siamo a Zurigo.





Tramonto, luci di Natale e il lago

La prima cosa che ci colpisce è la grandissima frequenza di mezzi pubblici, fa impressione davvero.e passano spessissimo. Non ci si deve preoccupare di restare ad aspettare al freddo.
A Zurigo il mezzo principe sono i tram (anche se ci sono metro, filovie, autobus e una sorta di passante ferroviario). Ci sono tantissime linee (basta che diate un’occhiata alla rete di trasporti per farvi un’idea)

La città è tranquilla e si sta preparando alla festa, chioschi per il cibo, il bere  e anche i DJ.
Il centro storico è raccolto e si estende sui due lati del fiume, da una parte la parte più “popolare” e dall’altra quella più “chic”.
Verso sera

Strade pedonali, passeggiate lungo il fiume, cigni, il lago, le luci di Natale e la neve, l’atmosfera è davvero romantica.

Ci sono locali e ristoranti per ogni gusto, dai tipici svizzeri ai pub “british style”, dalle taverne spagnole che servono tapas ai caffè che ti accolgono con cioccolate meravigliose. Se si viene da queste parti è d’obbligo provare la raclette (formaggio alla piastra servito con patate novelle bollite, cetriolini e cipolline), la fonduta di formaggi (accompagnata con pane, è diversa da quella francese per la composizione di formaggi.. un po’ più forte) e i wurstel (bratwurst e cervette) oltre alle birre ottime come la Calanda (di Chur).


Fontana
Lo spettacolo dei fuochi è stato davvero impressionante, circa 20 minuti ininterrotti di fuochi artificiali di altissimo livello, sul lago, uno spettacolo unico! E per riscaldarsi un po’ dell’ottimo Punch di arancia o del Gluhwein (il vin brulè germanico).

La bellezza di Zurigo sta nel girare per le viette del centro (e spingersi anche più fuori) e lasciarsi sorprendere, dalla vista, da una fontana particolare, da una bella casa o un bel ponticello pedonale con vista sulla città. Insomma, bighellonare in lungo e in largo, entrando ogni tanto in qualche pub/birreria per scaldarsi e lasciarsi coccolare con ottime birre.
Bahnhof Str.



Alla fine dei due giorni trascorsi in giro per la città avremmo davvero voluto prolungare il soggiorno di almeno una notte (purtroppo avevamo il biglietto di ritorno non soggetto a modifiche) e penso proprio che torneremo, magari in estate per godere dei 18 stabilimenti balneari e dei bellissimi parchi (che per ora abbiamo visto innevati). 




Statua

Ciao Zurigo e grazie per questo bellissimo inizio d’anno!

















Consigli:
Hotel Da Vinci – Mühlegasse, 3
Stanze doppie (bagno in comune – 2 bagni per 5 camere) da 115,- CHF (circa 96 €)

Bonnie Prince Pub - Zähringerstrasse 38 (bel pub scozzese, vicino alla stazione)
Oliver Twist pub – Rindermark, 6 (il più antico pub di Zurigo)
Johanniter – Niederdorf Str. 70 – buon punto per mangiare cucina tipica svizzera senza spendere un patrimonio (e in un ambiente caratteristico).
Buon punto di ristoro se siete in partenza è Nordsee, in stazione centrale. Offre ottimi piatti di pesce (dalla zuppa ai panini ripieni di gamberi) provenienti dal Mare del nord.

Mezzi pubblici: noi abbiamo girato sempre a piedi, ad ogni modo il biglietto dei mezzi costa 4,20 CHF (ci sono poi prezzi ridotti per biglietti di durata inferiore, 60 minuti, e per brevi tragitti) e dura 90 minuti. Il giornaliero costa 8,40 CHF (quindi conviene se si pensa di prendere il tram due volte). Si possono acquistare alla macchinette alle fermate, con spiegazione anche in italiano.

Se si pensa di visitare anche dei musei può convenire al Zurich Card (costa sui 30 € e da diritto a 72ore di mezzi e musei, è poi disponibile anche per 24 ore e costa 16 CHF). 

Qualche foto sparsa

Lungo lago
Cigni e gabbiani a Zurigo
Parco lungo lago










Stazione metropolitana/treni Bahnhof
Bici cittadine
Piazza dell'Opera

Commenti

  1. Zurigo freddissima! Ci ho passato un capodanno :) gelo ma niente neve!!

    RispondiElimina
  2. Sì, la temperatura la notte di Capodanno era davvero gelida! E aspettare 00.20 per i fuochi è stata dura! Però ne è valsa la pena, e con la neve è proprio magica!
    La cosa sconvolgente erano loro seduti ai tavoli fuori a cenare!! ma come fanno??
    Comunque diciamo che mi sono preparata al prossimo viaggio... Stoccolma, tra 15 giorni! :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Helsniki: inaspettata art nouveau

Primo post

Peperoni al forno con crema di tonno