Democrazia Reale Ora...

E' diversi giorni che leggo della rivoluzione pacifica in Spagna... Quella che i giornali definiscono (come spesso accade in questo paese) 15-M (ossia 15 de Mayo, primo giorno di manifestazioni). Tutto è cominciato grazie a una manifestazione organizzata tramite internet, blog, twitter, facebook, da alcuni ragazzi. Si è trasformata in qualcosa di grande. Come se il fatto di sapere che non si è gli unici a essere INDIGNATI, a essere STUFI di un certo modo di fare politica e a non sentirsi pienamente rappresentati e soprattutto ASCOLTATI dai politici, abbia dato forza alla gente. Così è nata la grande manifestazione a Madrid che è finita a Puerta del Sol (piazza super centrale di Madrid, tanto da essere definita il CENTRO DELLA SPAGNA) dove è iniziato l'ACCAMPAMENTO. I ragazzi hanno dormito lì, organizzandosi in comitati (alimentazione, infrastrutture, comunicazione, aiuto legale, etc..), dal mattino alla sera passanti, abitanti della zona, cittadini di Madrid di qualsiasi età, idea politica, ceto sociale, passano per la piazza, si fermano, discutono, portano sostentamento (cibo/coperte). I ragazzi fanno a turno per andare a casa, a lavorare o all'università. La piazza non la mollano. E da Madrid il movimento si è sparso per tutta la Spagna, Barcelona, Sevilla, Valencia, Murcia, etc.. Sono tante le città che si sono unite e sono tante le persone in piazza.
TUTTO PACIFICAMENTE, senza scontri (anche se inizialmente la polizia ci ha provato). Quello per cui manifestano è una democrazia che coinvolga davvero i cittadini, un mondo del lavoro più giusto che permetta di arrivare a fine mese, politiche delle case per aiutare i giovani a rendersi indipendenti dalle famiglie, la creazione di un modello economico nuovo e più sostenibile, politiche anti - machiste e una cultura libera ed accessibile a tutti.

Ora sbarca anche in Italia e c'è già chi ne ha paura, senza che ancora ne abbiano seriamente parlato giornali o televisioni. Basta leggere i post su twitter (#italianrevolution)... C'è chi dice di aspettare dopo le elezioni perché se no si viene strumentalizzati e poi vince la Letizia, persino mia nonna la pensa così... Però dico, se continuiamo ad aspettare non si andrà mai da nessuna parte. E poi perché dovremmo essere strumentalizzati??? Certo, la paura che il movimento pacifico si trasformi in una manifestazione violenta, come è accaduto con il G-8 di Seattle prima e di Genova poi c'è... Soprattutto perché siamo italiani e riusciamo sempre a rovinare tutto... Riusciamo a spaccare la metropolitana anche per festeggiare uno scudetto... Però io guardo alla spagna e vedo piazze colme di gente che parla, vedo signori pensionati che si siedono sul divano messo lì apposta per loro e discutono con i giovani, gli parlano dei loro problemi ad arrivare a fine mese e gli danno dei consigli. Vedo persone che non si arrendono... E in fondo al mio cuore penso che anche da noi sia possibile.. Forse sarò una sognatrice, ma non credo di essere l'unica (cit.)

Commenti

  1. no che non sei l'unica : )
    bell'articolo : )

    RispondiElimina
  2. Ottimo post!
    Per adesso la italianrevolution sembra sia solo un hashtag...speriamo che si diffonda e che si sviluppi con lo stesso spirito pacifico che si é visto qui a Madrid!

    Saludos!
    Ale da Madrid

    RispondiElimina
  3. Forse primavera?. La BBC ha paragonato la rivoluzione in Spagna e in Egitto. Lista di obiettivi: punire il politico non va a lavorare, eliminando i privilegi fiscali e delle pensioni dei politici, abrogare l'immunità, che la corruzione non prescrive, dividere il lavoro fino ad una disoccupazione inferiore al 5%, il pensionamento a 65 anni, non aumentare tale età fino a quando la disoccupazione giovanile è soppresso, espropriare alloggiamento invenduti, vietare il piano di salvataggio della banca e che restituire il denaro già dato, aumentare le tasse alle banche, punire speculazione, l'aumento tasse sulle grandi fortune, modificare gli elettorale ... Vedi:
    http://aims.selfip.org/spanish_revolution.htm

    RispondiElimina
  4. Bene, per ora 60 persone a Firenze... Oggi vediamo come andrà nelle altre città. L'unica cosa che mi lascia abbastanza senza parole è l'assoluto oscurantismo dei mezzi di informazione tradizionali in Italia... Silenzio assoluto, neanche due righe per parlare di Firenze.. Solo un paio di articoli (e con un sacco di castronerie)su quello che succede in Spagna..

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Da Bulgakov a Tolstoj: girovagando per una Mosca diversa

Primo post

Isole, incontri e Pub. Soprattutto Pub