H/H

Io credo che in questo momento il destino mi stia mettendo davanti tutti i libri di cui ho bisogno. Ogni pagina sfogliata, ogni vocabolo letto, descrivono perfettamente me e i miei stati d’animo, presenti o passati. E mi aprono lo sguardo su di me e i miei sentimenti, mostrandomeli da altre angolazioni, come quando parli con la tua migliore amica e tutto sembra più chiaro.

H/H affronta il tema della morte, del lutto, della mancanza con la delicatezza solita a Banana Yoshimoto, una scrittrice che riesce ad affrontare i temi più complessi e le emozioni più profonde dell’animo umano con grande abilità e grazia.

I due racconti sono come dei cammini spirituali, di crescita. C’è il lutto (attuale o passato ma non affrontato del tutto) e la notte dell’anima, si affrontano prove e, passando attraverso la presa di coscienza, si arriva all’illuminazione, in questo caso la liberazione dal peso del lutto per andare (tornare) verso la vita. Per poter affrontarla di nuovo, con cuore aperto.

In un tempo sospeso,  le protagoniste affrontano la morte di una persona cara, che le pone di fronte alle proprie fragilità e paure, rimaste sole non riescono a capire come andare avanti. Ma affrontando quel lutto si riesce, passo dopo passo, a tornare alla vita, cambiate, arricchite. Pronte ad aprire di nuovo il cuore alla vita.

La morte non è triste. È solo che fa male quando, risucchiati dall’emozioni, non si riesce più a respirare.
Vorrei fuggire dal cielo profondo di questo autunno, pensai.


B. Yoshimoto – Ed. Feltrinelli
p. 112 - € 9,30

Consigliato a chi: deve affrontare un lutto. Voglia affrontare un percorso di rinascita.

_________________________________________________________________________________

Yo creo que en este momento la vida me esta poniendo en frente los libros que necesito. Cada pagína, cada palabra, describen mi alma, ahora o en el pasado. Así que puedo ver mis sentimientos con más claridad, desde otra visual, como cuando habla con tu mejor amiga y todo parece más claro.

H/H trata del tema de la muerte, del luto, de la ausencia con la delicadeza propria de Banana Yoshimoto, autora que puede tratar de temas muy complejos y emociones profunda con muchas habilidad y gracia.

Los dos cuentos son como dos viajes espirituales, de crecimiento interor. Hay el luto (actúal o pasado que sea) y la noche del alma, hay pruebas y, pasado por la toma de cociencia se llega hasta la iluminación, para poder seguir adelante con la vida, con corazón abierto.

En un tiempo suspendido, las protagonistas tratan la muerte de un ser querido y se enfrentan a sus fragílidad. Son sólas y no consinguen llegar adelante. Pero siempre tratando con el luto se puede, un paso delante a otro, regresar a la vida – por supuesto un poco cambiadas y enriquecidas. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Berlino, ancora tu...

Le buone abitudini

Un altro anno è passato. Sono sempre io.

Il treno per Tallin